Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Superlega, Atanasijevic addio alla Sir

atanasijevic Foto: testa

A fine stagione, dopo 8 anni, si separano le strade tra il club e il capitano

  • a
  • a
  • a

Un fulmine a ciel sereno. O quasi. Attraverso un post su Instagram, l’agenzia VolleyballForever ha ufficializzato l’addio di Aleksandar Atanasijevic alla Sir dopo 8 stagioni. “Dopo 8 anni con la maglia della Sir Safety Perugia, il migliore opposto al mondo Aleksandar Atanasijevic ha deciso di non continuare il suo percorso con il club dopo questa stagione - si legge -. Insieme hanno ottenuto grandi successi, vincendo partite e trofei. Con la Sir Safety Perugia ha vinto 3 Supercoppe, 2 Coppe Italia ed un Campionato. È stato 3 volte il miglior realizzatore e miglior schiacciatore della Supelega, 1 volta mvp del Campionato e della Coppa Italia e 3 volte il miglior marcatore della Champions League.

 

Il suo cuore apparterrà sempre al Perugia ma è tempo di nuove sfide, nuove energie e tanti trofei nel prossimo club. Presto ci saranno altre notizie”. Tra i tanti like, anche quello di Bata. La decisione è stata presa a margine di una riunione tenutatisi nella giornata di ieri tra la società ed il giocatore che nonostante avesse ancora un contratto in essere con il club umbro, in estate sarà dunque libero di accasarsi altrove. Sulle proprie pagine social, lo stesso Atanasijevic ha praticamente confermato il divorzio. Lo ha fatto con un post su Instagram in cui ha pubblicato un video della curva perugina che inneggia al diretto interessato prima di una partita di due stagioni fa, con un coro a lui dedicato e con uno striscione che recitava: “Grazie per tutte le emozioni che mi state dando in questi 6 anni”.

 

Dopo il successo con il Tours, Heynen aveva elogiato la bandiera della Sir, autore di un’ottima prova contro i francesi: Non parlo mai di chi gioca molto, ed allora mi soffermo su Atanasijevic. Ha dato un grande contributo. Ha cambiato la partita anche dal punto di vista emotivo. So che non è facile avere il giusto ritmo se non si gioca spesso come ha fatto nell’ultimo mese. Inoltre, per uno come lui non è normale entrare durante la gara. Ha giocato in maniera eccellente”. Chissà quanto e se potrà farlo ancora da qui alla fine della stagione. A Perugia è arrivato un altro opposto, Maciej Muzaj presentato così da Heynen: "Sa qual è il suo ruolo qui. In Russia non era contento. In quel ruolo siamo coperti ma è sempre meglio avere della qualità in più. E’ una persona modesta, che sa lavorare per la squadra. Un aspetto per me molto importante”. Intanto, Atanasijevic e la Sir hanno ancora la possibilità di archiviare questi 8 anni insieme in bellezza. Con una Champions League e uno scudetto da provare a vincere.