Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Tennis, Fognini piega Caruso all'Australian Open dopo quattro ore: poi la lite e gli insulti

  • a
  • a
  • a

Fabio Fognini vince il derby con Salvatore Caruso agli Australian Open, primo Slam della stagione, staccando il pass per il terzo turno del torneo in corso di svolgimento a Melbourne. Una battaglia infinita che si è chiusa solo al super tie break del quinto set, dopo che il siciliano è dovuto ricorrere due volte al medico per problemi ai piedi. Fognini, numero 17 del ranking (16 del seeding), alla fine ha vinto con il punteggio di 4-6, 6-2, 2-6, 6-3, 7-6 (14-12) contro l'altro azzurro (numero 78 del ranking).

 

 

Una bella lotta in campo ma anche subito dopo la partita per qualche parola di troppo volata tra i due sotto rete, un brutto epilogo per un bellissimo spettacolo. Al termine dell’incontro infatti Caruso si è lamentato con Fognini per qualche parola di troppo pronunciata nei momenti più caldi della sfida. "Non posso dire che hai culo? E allora perché mi rompi il c***o", ha detto Fognini. "Da te non me lo aspetto", ha replicato Caruso. Fognini, che ha poi detto che certe cose non dovrebbero accadere, troverà al terzo turno l’australiano Alex De Minaur, 21enne di Sydney, numero 23 Atp e ventunesima testa di serie.

 

 

Nessun problema o quasi al secondo turno per Berrettini, 24enne romano, numero 10 del ranking e nono favorito del torneo, che ha regolato per 6-3 6-2 4-6 6-3, in due ore e 39 minuti di partita, il ceco Tomas Machac, 20enne di Beroun, 199esimo al mondo, proveniente dalle qualificazioni, alla sua prima presenza nel main draw di Melbourne (la seconda in assoluto in un Major dopo il Roland Garros dello scorso anno dove pure si era qualificato). Contro un avversario mai affrontato in carriera l’inizio dell’azzurro è stato un po' "sonnacchioso", con tre palle-break concesse e salvate già nel game d’avvio: poi però un parziale di 11 punti di fila gli ha permesso di salire 3-0. Il capitolino ha dovuto annullare due chance per il contro-break a Machac nel quinto gioco ma poi non ha rischiato più nulla.