Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Juventus-Inter, furia Agnelli contro Conte. Il labiale: "C******e". Il tecnico: "Ci vuole più rispetto"

  • a
  • a
  • a

Se la semifinale di ritorno di Coppa Italia tra Juventus e Inter, con i bianconeri che centrano la qualificazione, è stata avara di emozioni, nel post partita non sono mancate le scintille. Protagonisti il presidente juventino Andrea Agnelli, l'allenatore dei nerazzurri Antonio Conte e l'amministratore delegato Beppe Marotta, gli ultimi due grandi ex del club bianconero. 

 

 

Al triplice fischio dell'arbitro Mariani, che proiettano la Juventus in finale, si scatena la bagarre in tribuna. Lasciando il proprio posto - le immagini Rai lo testimoniano - Agnelli ha un battibecco con l'allenatore che guidò la Juventus dal 2011 al 2014 vincendo tre volte il campionato prima di andare via in piena estate, appena iniziata la preparazione, per alcune divergenze. Quelle che il presidente della Juventus rivolge al suo ex allenatore non sono parole affettuose, tutt'altro: "Parla ora c******e". Il labiale poi non lascia scampo alle interpretazioni. Parole di cui diventa diventa destinatario lo stesso Marotta. Il dirigente, rimasto in bianconero più a lungo sino a poco dopo l'arrivo di Ronaldo, prende le difese di Conte. Nel post partita il tecnico dell'Inter dice: "Fonti Juventus parlano di parole grosse tra me e Agnelli? Fonti Juventus dovrebbero dire la verità. Il quarto uomo ha sentito quello che è stato detto durante tutta la partita. Dovrebbero dire la verità. Bisognerebbe essere più educati e avere più rispetto". La Rai ricostruisce che le parole di Agnelli siano state scatenate da un precedente gestaccio di Conte.

 

 

Un finale di partita caldissimo, che si aggiunge alla scaramucce a inizio gara tra lo stesso tecnico interista e Bonucci in occasione di un episodio sospetto nell'area juventina. Con i due che non si sono risparmiati anche se - in questo caso - tutto è rimasto circoscritto a quelle che nel calcio sono inquadrate nelle classiche "cose da campo".