Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sinner eliminato al primo turno degli Australian Open di tennis: Shapovalov vince dopo una battaglia di 5 set

  • a
  • a
  • a

Una battaglia lunga quasi 4 ore e poi la sconfitta. Si interrompe al primo turno l’avventura di Jannick Sinner agli Australian Open, prima prova stagionale del Grande Slam. Il giovane tennista altoatesino, fresco numero 32 del mondo, oggi lunedì 8 febbraio si è arreso a Denis Shapovalov dopo cinque set in 3 ore e 55 minuti di gioco. Il canadese, numero 12 ATP e testa di serie numero 11, si è imposto con il punteggio di 3-6, 6-3, 6-2, 4-6, 6-4. Probabilmente l’azzurro ha pagato un po' di stanchezza avendo giocato e vinto ieri, domenica, la finale del Great Ocean Road Open sempre a Melbourne contro Stefano Travaglia.

 

Dopo aver salvato un match point, Sinner si è arreso all’ennesimo diritto mancino del canadese. L’altoatesino è uscito comunque dal campo tra gli applausi, chiudendo con 26 vincenti a 62 e 44 gratuiti a 71. Ha vinto otto punti in meno in tutto il match. È stato più efficace con la seconda di servizio, 56% di punti vinti contro il 48% dell’avversario.  Shapovalov affronterà l’australiano Bernard Tomic al secondo turno. 

 

Restando al tabellone maschile, sono subito usciti di scena anche Stefano Travaglia e Gianluca Mager. Il 29enne di Ascoli Piceno, pure lui fresco di best ranking (numero 60 al mondo), ha pagato come Sinner le fatiche della finale di ieri: contro un avversario scomodo come Frances Tiafoe, Travaglia di fatto regge solo il primo set, perso al tie-break (7-5), prima di cedere gli altri due parziali entrambi per 6-2 in meno di due ore di gioco. Più sorprendente l’eliminazione di Gianluca Mager, battuto 6-3 6-3 6-4 dal russo Aslan Karatsev, numero 114 del mondo, proveniente dalle qualificazioni e per la prima volta al via nel tabellone principale di un Major. Domani tocca agli altri sei azzurri in gara (Berrettini, Fognini, Sonego, Caruso, Cecchinato e Seppi) mentre fra le donne sono già al secondo turno Camila Giorgi e Sara Errani.