Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia-Mantova 4-2, il Grifo continua a vincere. Doppietta di Bianchimano

Biancorossi ancora oltre l'emergenza: bella risposta ai successi di Sudtirol e Padova

Nicola Uras
  • a
  • a
  • a

Il Perugia risponde a Sudtirol e Padova: con il 4-2 al Mantova tiene il passo delle rivali nella corsa alla promozione dando un altro segnale di forza. Perché la vittoria arriva ancora in emergenza offensiva (out Melchiorri e Minesso, Vano e Murano in panchina per onor di firma) e consente ai grifoni di continuare la marcia positiva. Si tratta infatti della quinta vittoria nelle ultime sei partite (16 punti conquistati dei 18 a disposizione), miglior ruolino recente del campionato. Bianchimano star del pomeriggio piovoso con una doppietta da attaccante di razza, ma grandi prestazioni sono arrivate anche da Burrai e Falzerano al di là delle rispettive realizzazioni.

 

 

 

Il primo tempo è come andare sulle montagne russe. Succede un po' di tutto. Scatta in vantaggio il Perugia: tiro dalla distanza di Burrai, sulla traiettoria c'è Bianchimano che ci mette il piede spiazzando Tozzo (1-0, 7'). Il Mantova risponde subito sfruttando al meglio un calcio d'angolo: sul secondo palo, dopo un ponte sul primo, deviazione vincente del gigante Baniya (1-1, 14'). La squadra di Troise ribalta completamente il risultato con Cheddira: l'attaccante riceve palla dentro l'area, salta Angella e scarica in porta un potente destro che vale il sorpasso (1-2, 22'). Ci pensa Falzerano a rimettere le cose a posto: recupera una palla "sporca" al limite dell'area, l'addomestica con il petto e poi incrocia il destro che vale il pareggio (2-2, 25').

 

 

Il Mantova gioca a viso aperto, la partita è piacevole, il Perugia spreca con Bianchimano (33'), è sfortunato quando un tiro di Sounas trova Baniya sulla linea a salvare Tozzi uscito male (44') mentre fa festa in pieno recupero ancora con il suo attaccante brianzolo. Angolo battuto velocemente da Burrai ed Elia, in mezzo svetta Bianchimano che buca Tozzi praticamente immobile (3-2, 47'). Il Mantova protesta perché dentro l'area ci sarebbe stato in quel momento un altro pallone. A inizio ripresa la "maledetta" di Burrai, deviata da un giocatore del Mantova, mette in discesa la partita (4-2, 51').