Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gubbio Sudtirol 1-2: decidono l'ex Casiraghi e un rigore

Gomez in azione in Samb-Gubbio (foto Simone Grilli)

I rossoblù accorciano con il solito Gomez ma non basta

Luca Mercadini
  • a
  • a
  • a

Il Sudtirol vince per la prima volta nella sua storia a Gubbio (1-2) e difende il primato di classifica dall'assalto del Padova. I biancoscudati regolano 1-0 la Fermana in casa, gli altoatesini rispondono con il blitz in Umbria in una gara molto combattuta dove il risultato di parità, alla fine, poteva starci. I rossoblù hanno ribattuto colpo su colpo alla grande organizzazione della capolista e hanno lottato alla pari nel fango del Barbetti.

NOVITA' FEDATO

Torrente, espulso per proteste nel finale, ha riproposto il classico 4-3-1-2 con la novità di Fedato in attacco insieme a Gomez, autore al minuto 81 della rete del 2-1 che ha tenuto in vita il match fino all'ultimo istante. Squalificato Ferrini, il tecnico eugubino ha recuperato Signorini al centro della difesa e Malaccari a centrocampo. Al 26' su angolo dell'ex Casiraghi è Cucchietti a salvare il risultato con un intervento a terra.. Il Gubbio replica con una botta di Pasquato dai 20 metri, mentre è ancora Cucchietti a dire di no, stavolta a Fischnaller, che ci prova con un diagonale in area di rigore.

INFORTUNIO A CUCCHIETTI

In finale di tempo l'infortunio al portiere di casa (stiramento) e l'ingresso di Zamarion.

RIPRESA

Nella ripresa parte bene il Gubbio con Fedato (poi sostituito da De Silvestro) che trova un varco ma Polizzi risponde con sicurezza. Gomez (70') è anticipato in area bolzanina, poi la rete degli ospiti. Un pezzo di alta scuola di Casiraghi che trova il sette con una punizione a scavalcare la barriera da 20 metri. Nel finale c'è l'esordio di Ingrosso (81') e il rigore (molto discusso) per fallo su Voltan che Obogwu trasforma con sicurezza (85'). Lo stacco aereo di Gomez su angolo prova a far ripartire il match ma al 94' Beccaro va vicino al terzo gol con un rasoterra che sibila il palo di destra di Zamarion.