Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Atalanta-Torino, l'assistente Passeri fa 200 presenze in serie A

matteo passeri

E' il sesto di sempre nella all time dell'Aia e sabato scorso era nella terna della finale di Supercoppa in Arabia Saudita

Luca Mercadini
  • a
  • a
  • a

Matteo Passeri fa 200. Prestigiosa designazione per l’assistente arbitrale eugubino che sabato 6 febbraio in Atalanta-Torino (dirige Forneau di Roma) firmerà la presenza numero 200 nel campionato di serie A. Per far capire la portata del traguardo raggiunto basta pensare che nella storia del nostro calcio, solo altri cinque collaboratori arbitrali sono riusciti a fare meglio. La speciale classifica all time vede Maggiani al comando con 227 presenze seguito da Copelli (224), Di Liberatore (223), Ivaldi e Tonolini (215). Sesto Matteo Passeri pronto a dare l’assalto al vertice, anche perché chi lo precede ha terminato da tempo la carriera. Passeri, 45 anni, ha iniziato nel 1991 come arbitro dopo la morte di papà Elvio, all’epoca segnalinee in serie A. Nel 2003 è stato promosso direttore di gara nella Can Pro, nel 2008 è passato come assistente nella Can A e B. L’esordio nel massimo campionato è avvenuto nell’anno successivo in Palermo-Udinese. Dal 2014 è internazionale e sabato scorso è stato primo assistente nella finale di Supercoppa in Arabia Saudita (arbitro Orsato, Costanzo di Orvieto l’altro assistente) tra Al Hilal (dove gioca Giovinco) e Al Nasr Riyadh terminata 0-3