Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Maradona, si aggrava la posizione giudiziaria del suo medico. Infermiera rivela: "Diego era caduto e aveva battuto la testa"

  • a
  • a
  • a

Si complica la posizione giudiziaria di Leopoldo Luque, medico di Maradona che è indagato per omicidio colposo dalla procura di San Isidro. Emerge che Agustina Cosachov, la psichiatra che curava il campione, aveva chiesto un'assistenza 24 ore su 24 e Luque non aveva provveduto. Ma lui ha replicato sostenendo che la collega non aveva scritto una relazione del genere che avrebbe fatto internare Diego e l'avrebbe costretto ad un ricovero che lui rifiutava. Ormai è una guerra tra medici, dove Luque è accusato anche dalla prima moglie del Pibe, Claudia Villafane, e dalle figlie, convinte che non sia stata organizzata la dovuta assistenza.

L'avvocato dell'infermiera Gisela Madrid ha rivelato che l'ex calciatore una settimana prima del decesso era caduto ed aveva battuto la testa, ma non era stato portato in ospedale per una tac o una risonanza. Ha inoltre aggiunto che Maradona non era più in grado di decidere e che l'infermiera era stata licenziata dall'ex calciatore. Lei era rimasta su richiesta dell'entourage, limitando il suo lavoro alla consegna giornaliera dei farmaci.