Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rullo compressore Sir, si arrende anche Cisterna: 3-0

Quinta vittoria di Perugia, ottima prova di Plotnytskyi con 17 punti

Carlo Forciniti
  • a
  • a
  • a

Un rullo compressore. Contro Cisterna, fanalino di coda della Superlega, Perugia non fa sconti domando con un secco 3-0 un avversario ancora a caccia dei primi punti stagionali. In una serata che poteva non essere poi così scontata dato il valore dei singoli della Top Volley, la Sir rischia nel primo set per poi dilagare come già successo praticamente sempre in questa annata. Nel quinto successo in altrettanti incontri in campionato, Plotnytskyi entusiasma, oltre ai 17 punti con il 57% messi a referto, grazie alla capacità di  fare la differenza (soprattutto in battuta come testimoniano anche i 4 ace) nei rari momenti di difficoltà dei bianconeri. Leon è la solita macchina da punti: ne mette lui pure 17. Ottimo l’apporto di Russo, titolare per la prima volta dopo l’infortunio che chiude con 7 punti e 4 muri, e di Ter Horst che ne aggiunge 14. Di fronte al grande ex di serata, il neo coach di Cisterna, Boban Kovac, Heynen si affida ad un sestetto che prevede il rientro di Russo di fianco a Solè. Piccinelli prende il posto di Colaci in seconda linea. In attesa del recupero di Atanasijevic, da opposto recita Ter Horst, una volta di più preferito a Vernon-Evans. Dopo un approccio un po’ soporifero ed in cui gli ospiti veleggiano sullo 0-3, Leon sblocca i suoi con un attacco vincente che genera un parziale di 4-0 sublimato da un paio di muri: di Ter Horst prima e Russo poi che si ripete qualche scambio dopo con il block che vale il 9-7. La squadra ospite, però, non ci sta ed in men che non si dica ricuce e va avanti. Un ace di Szwarc regala il +2 (11-13). Perugia adesso sbanda.Va a -3, 12-15, ma viene riportata in carreggiata dal duo Plotnytskyi-Ter Horst che firmano un provvidenziale 2-0 di parziale (14-15) che ferma l’emorragia. L’aggancio (18-18) è di Russo. Sempre a muro. Nel finale dove Cisterna si porta sul 20-22, è decisivo un turno in battuta di Plotnytskyi che cambia l’inerzia del set chiuso proprio dal funambolo ucraino con l’ace del 25-23. Al rientro in campo la Sir parte forte. C’è sempre lo zampino del martello numero 17 nel famelico approccio di Perugia al secondo game. E’ lui, infatti che dai 9 metri mette in difficoltà la ricezione ospite, mentre Piccinelli ruba l’occhio per difese di sostanza e qualità. Il 4-0 che inaugura il gioco è logica conseguenza di quanto si vede sul taraflex. La squadra di Kovac, però, torna a contatto trovando in più di un’occasione la parità. Serve la scossa che neanche a dirlo la regala Plotnytskyi, l’ispiratore principe del parziale di 3-0 che consente ai Block Devils di toccare il 12-9 che poi diventa 13-9 con un affondo di Leon. Il set cambia in questi frangenti perché da lì in poi i pontini non riescono mai realmente a contenere l’onda d’urto bianconera.  Il 2-0 arriva per via di un errore in attacco di Szwarc. Alla ripresa del gioco, Cisterna prova con carattere a tirarsi fuori dalle sabbie mobili. La formazione di Kovac mette più volte la testa avanti ma non basta. Dal 16-16 la Sir e Plotnytskyi - autore dell’ace del 18-16, cambiano passo, veleggiando con autorità fino al 3-0 finale. Trento, nel big match di domenica al PalaTrento, si troverà di fronte una Sir lanciata come non mai.