Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Casertana-Ternana 3-3, Lucarelli furibondo: "Un primo tempo senza testa"

 Cristiano Lucarelli, neo tecnico della Ternana (Foto Principi)

Il tecnico rossoverde rimprovera alla squadra un approccio totalmente sbagliato

Michele Fratto
  • a
  • a
  • a

Arrabbiato, come diverso non potrebbe essere, più per la prima frazione di gioco che per il pareggio acciuffato dalla Casertana in zona Cesarini, è un Cristiano Lucarelli con sentimenti contrastanti quello che si presenta nella videoconferenza post partita: “Sono molto arrabbiato per i primi quarantacinque minuti. Il gol allo scadere può accadere”. Per avvalorare la sua tesi Lucarelli utilizza un aneddoto preciso: questa volta è stato il turno della finale di Champions League ribaltata dal Manchester United nei minuti di recupero contro il Bayern Monaco. Aneddoto che calza a pennello: “Non sono arrabbiato per quanto successo sul gol del pareggio. Eravamo in marcatura ma nel corpo a corpo abbiamo avuto la peggio e hanno segnato di testa”. Chiaro riferimento a quanto detto dalla vigilia da Lucarelli, quando parlava proprio di essenza del ruolo. Poi il mister della Ternana, davanti alle domande dei cronisti, torna ancora sulla cattiva gestione della prima frazione: “Avevamo sollecitato molto i ragazzi sull'atteggiamento della Casertana in settimana e invece abbiamo impattato nel primo tempo peggio di loro. Ci hanno sovrastato nei duelli individuali nell’intensità e nella pressione”. In sintesi: “Nella partita c'è stato tutto quello che voglio e non voglio vedere, cioè il primo e il secondo tempo”. Nel fare continui rimandi alla sua forma mentis, Lucarelli evidenzia un punto in particolare: “Questa partita dovrebbero guardarla in tutta Italia per capire quanto poco contano le scelte e i moduli: è la testa a fare da padrona nel calcio. Il 95% è testa, rabbia, motivazione, soffrire e sacrificarsi”. Meticolosità e concentrazione sottolineati anche in chiusura: “Noi lavoriamo dodici ore al giorno per la Ternana in cerca della perfezione”.