Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Cherubini, chi è il nuovo dirigente di riferimento della Juventus. Capitano e direttore generale del Foligno, poi la chiamata di Marotta e Paratici

  • a
  • a
  • a

Federico Cherubini nelle prossime ore diventerà il dirigente di riferimento, per quanto riguarda l'area tecnica, della Juventus. Un'autentica rivoluzione quella che sta compiendo Andrea Agnelli secondo quanto filtra da fonti vicino alla società e come riportato da alcuni media nazionali. Il presidente del club bianconero - dopo l'esonero di Maurizio Sarri - sta ridisegnando i quadri dirigenziali. Dopo aver sollevato dall'incarico Marco Re, capo dell'area finanziaria, è al passo di addio anche Fabio Paratici responsabile dell'area tecnica. Proprio Federico Cherubini è destinato a essere il dirigente numero uno con Claudio Albanese,  responsabile della comunicazione e delle relazioni esterne, destinato anche lui ad avere un ruolo di rilievo all'interno del club.

Cherubini è nato a Foligno nel 1971 e da calciatore ha legato la sua carriera proprio alla squadra della sua città. Ha iniziato a giocare all'età di 6 anni nei Pulcini quando ancora gli allenamenti si facevano nello stadio dove ora si svolge la Quintana. Con i falchetti fa tutta la trafila delle giovanili sino all'esordio in prima squadra. Tanti anni nei dilettanti poi la clamorosa cavalcata che porta il Foligno nel professionismo. Cherubini, da capitano, ne diventa dirigente di riferimento sfiorando la promozione in B. In quegli anni i rapporti con la Sampdoria - dove ci sono Marotta e Paratici - sono ottimi tanto che si palesa la possibilità di andare al club blucerchiato.

 

Arriva anche una proposta dal Perugia, ma Cherubini resta al Foligno. Poi la chiamata della Juve, dove si sono trasferiti proprio Marotta e Paratici. Nell'estate 2012 diventa un dirigente bianconero. Inizialmente si occupa delle giovanili e dei giocatori in prestito in Serie B e C, poi diventa coordinatore dellla Juve U23 e recentemente vice responsabile dell'area tecnica. Ora il salto di grado.