Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Juventus, sarà rivoluzione secondo Dagospia: fuori Paratici e Nedved. Ruolo di spicco per Cherubini

Nicola Uras
  • a
  • a
  • a

Con il nono scudetto consecutivo vinto e subito archiviato e la sfida cruciale con il Lione, per continuare la corsa verso la Champions League sullo sfondo, Dagospia racconta cosa sta succedendo nella Juventus con Andrea Agnelli, il presidente, pronto a una rivoluzione dentro la società. Dopo aver sollevato dall'incarico Marco Re, capo dell'area finanziaria, secondo la testata diretta da Roberto D'Agostino il numero uno della Juventus farà saltare altre teste.

A iniziare da Fabio Paratici, passando per Pavel Nedved ("pare che nella bacchettona Torino non sia stata apprezzata la vivacità sentimentale del 47enne céco che, un anno fa, lo ha portato a lasciare la moglie Ivana per fidanzarsi con la 25enne cavallerizza Lucie Anovcinouva, che ha un anno in più della figlia dell’ex pallone d’oro"). Paratici e Nedved pagherebbero la scelta di mandare via Allegri per prendere Sarri e alcune operazioni di mercato. Al loro posto ricostruirebbe la dirigenza ripristinando un amministratore delegato (pare che in ballottaggio ci siano Claudio Albanese,  responsabile della comunicazione e delle relazioni esterne, e l'umbro Federico Cherubini attualmente vice e braccio destro di Paratici nell'area tecnica). Ma trapela anche l'indiscrezione di un clamoroso ritorno di Beppe Marotta. Per il ruolo di vicepresidente ci sarebbe Gianluigi Buffon (costretto così a smettere).