Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Teste di serie Champions: la Sir ricorre al Tar

Il Collegio di garanzia del Coni respinge il ricorso di Perugia che decide di andare avanti nella battaglia legale

Luca Mercadini
  • a
  • a
  • a

Probabilmente Catia Pedrini ha stappato la famosa bottiglia di Barbaresco con il perugino Andrea Sartoretti. La presidente di Modena e il direttore sportivo dei canarini emiliani hanno vinto il primo round della battaglia legale con Perugia e Civitanova sulla questione “teste di serie” in Champions League. Come noto, Perugia, esclusa a sorpresa dalle big della più importante manifestazione pallavolistica europea (nonostante una finale e tre semifinali nelle ultime quattro edizioni), aveva presentato ricorso, appoggiata dalla Lube Civitanova. Il motivo del discutere era la classifica di Superlega cristallizzata al momento del lockdown con Modena seconda e la Sir terza, ma con una gara giocata in meno. Da qui le rimostranze del club del presidente Gino Sirci. Ebbene, la prima sezione del Collegio di Garanzia del Coni, all’esito dell’udienza presieduta da Mario Sanino, ha respinto il ricorso presentato dalla società bianconera nei confronti della Federazione Italiana Pallavolo (Fipav) e avverso la deliberazione del presidente della Fipav numero 21 dell’8 aprile 2020, nella parte in cui “dichiara definitive le classifiche di tutti i campionati all’odierna data di conclusione dall’attività agonistica”, nonchè avverso ogni altro provvedimento consequenziale e connesso, oltre che presupposto. Ha, altresì, disposto che le spese seguano la soccombenza, liquidate in 3.000 euro, oltre accessori di legge, a carico della ricorrente Sir e ancora in 3.000 euro, oltre accessori di legge, a carico della Lube Civitanova, in favore della resistente Fipav.
Ecco, quindi, la “festa” modenese a base di vino come preannunciato nei giorni scorsi dalla presidente Pedrini. Ma, attenzione, perché siamo solo al primo atto di una battaglia legale che si preannuncia ancora lunga e, forse, ricca di sorprese. La Sir, infatti, ha già preso la sua decisione, fermamente convinta di trovarsi nel giusto. I Block Devils faranno ricorso al Tar non appena saranno rese note le motivazioni della prima sezione del Collegio di Garanzia del Coni. Al momento, però, Perugia resta in Quarta Fascia in attesa del sorteggio Champions con Trento e Dinamo Mosca, con la concreta possibilità di finire subito in un girone di ferro con una tra Lube, Kazan e Modena.
Intanto sono confermate le date della nuova stagione: 13 e 20 settembre andata e ritorno di semifinale in Supercoppa con finalissima il 25 all’Arena di Verona. Domenica 27 via libera alla Superlega.