Petrucci in sella per lo sprint

Campionissimo 2016

Petrucci in sella per lo sprint

06.12.2016 - 11:08

0

Tra i candidati al titolo di "Campionissmo 2016", l’iniziativa ideata dal Corriere dell'Umbria, c'è anche il pilota di Motogp Danilo Carlo Petrucci.

VOTA qui lo sportivo dell'anno

La carriera sportiva del “Petrux” forse era già scritta: certamente la volontà del padre di vivere il mondo dei motori, ha contribuito positivamente nella scelta del figlio di salire in sella fin da bambino. Nato a Terni il 24 ottobre del 1990, Danilo, già all'età di otto anni pratica minitrial in sella ad una Beta e nel 1999 è già campione italiano. Si ripete l'anno successivo conquistando il titolo di campionei italiano Minitrophy LEM. Gli anni passano e macina vittorie fino a quando nel 2006 inizi con le moto da corsa partecipando a campionati di velocità in sella ad una Honda per poi passare al trofeo Yamaha nel 2007 chiudendo secondo; nel 2008 e 2009 è la volta del campionato europeo Superstock 600 con una Yamaha YZF-R6 ottenendo nella seconda stagione 3 vittorie e 4 pole position. Proseguono le sue brillanti stagioni e 2012 arriva la chiamata in MotoGP nel Team Came Ioda Racing Projec iniziando così la stagione in sella ad una Ioda TR003 per poi passare ad una Suter MMX1. Dal 2015 Petrux passa al team Pramac Racing e disputa una stagione sensazionale chiudendo in decima posizione (113 punti) nella classifica mondiale di MotoGp con uno straordinario secondo posto nel Octo British Gp a Silverstone e nel 2016 è in sella alla Ducati Desmosedici Gp sempre della Octo Pramac Racing Team.
Che tipo di campionato è stato il 2016?
"Sicuramente difficile, iniziato in salita. L' infortunio alla mano mi ha fatto perdere 4 mesi dopo essere partito molto bene nei test. Nella stagione ho faticato per tornare ai miei livelli e, adir la verità, mi è mancata anche un po' di fortuna".
Qual è stata la sua gara più bella nel campionato appena terminato e quella da dimenticare?
"Il più bello è stato il Gran Premio di Assen (Olanda) anche se non l'ho finita. In quell'occasione sono stato per la prima volta in testa in una gara di MotoGp assaporando l'emozione di poter vincere; davvero una bella sensazione. La gara più brutta, invece, quella del Qatar dove non ho corso dopo essermi fatto male: avevo timore che succedesse qualcosa di brutto ed è successo".
Non poter iniziare la MotoGp inseme ai suoi colleghi a causa dell'infortunio alla mano, cosa le ha provocato?
"Dolore, tanto dolore. Quando mi sono fatto male mi è caduto il mondo addosso soprattutto nell'infortunio a Philip Island. Ero sempre tra i più veloci e quando mi sono rialzato e ho visto la mano in quello stato mi sono abbattuto".
Il prossimo anno guiderà la Ducati Ufficiale GP17 vincendo il duello in casa contro Redding, che tipo di soddisfazione è stata?
"Che dire… grandissima. Se solo penso che nel 2014 lottavo per non fare ultimo e nel 2017 lotterò con una moto che potenzialmente può vincere gare sia sull'asciutto che sul bagnato, è un grande passo in avanti e sono contento di esserci riuscito nonostante questo anno difficile".
Ha mai pensato di fare altro nella vita?
"Si, parecchie volte, è capitato soprattutto a ridosso degli infortuni ma poi con la calma necessaria ragiono e capisco sempre più che andare in moto è ciò che più mi piace".
Cosa si augura per la prossima stagione?
"Come al solito non dico niente tranne di essere più forte di quest'anno". 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Renzi alla Leopolda cita Aldo Moro e chiude sulle note di Tommaso Paradiso: "Non avere paura"

Renzi alla Leopolda cita Aldo Moro e chiude sulle note di Tommaso Paradiso: "Non avere paura"

(Agenzia Vista) Firenze, 20 ottobre 2019 Renzi alla Leopolda cita Aldo Moro e chiude sulle note di Tommaso Paradiso: "Non avere paura" Matteo Renzi interviene sul palco della Leopolda 10: "Se vogliamo essere presenti, diceva Aldo Moro, dobbiamo essere per le cose che nascono anche se hanno contorni incerti, e non per le cose che muoiono, anche se vistose e in apparenza utilissime" Fonte: Agenzia ...

 
Di Maio e l'inglese, prova superata

Di Maio e l'inglese, prova superata

(Agenzia Vista) Washington, 20 ottobre 2019 Di Maio e l'inglese, prova superata Il ministro degli Esteri, Luigi di Maio, a Washington interviene in inglese al convegno 'Un futuro comune: Stati Uniti e Italia', organizzato dal Consiglio per le relazioni tra Italia e Stati Uniti / fonte FB. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Sculture a tema, le quattro opere  realizzate

Eurochocolate

Sculture a tema, le quattro opere realizzate

Un grande grifo con un bottone tra gli artigli è la monumentale scultura realizzata da Stefano Chiacchella. Un bottone che diventa rosone nell’opera di Massimo Arzilli o che ...

20.10.2019

Traffico rivoluzionatoper don Matteo

Spoleto

Traffico rivoluzionato
per don Matteo

Ultime due settimane di permanenza a Spoleto per il cast di Don Matteo 12. Le riprese nella città del Festival, che in questi giorni di metà ottobre sta ospitando numerosi ...

19.10.2019

Lorenzo Rinaldi ai "live": il sogno continua

su sky

Il ternano Lorenzo Rinaldi ai "live" di X Factor

Lorenzo Rinaldi, il 19enne ternano in lizza a X Factor, il talent più popolare della tv italiana, su Sky, è tra i 12 finalisti. Il giudice della sua categoria, Malika Ayane, ...

18.10.2019