Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Grande Ternana, ma in semifinale ci va il Bari: 1-1

Vantaggiato risponde a un rigore dell'ex Antenucci. Espulso Palumbo, arbitro da dimenticare

Michele Fratto
  • a
  • a
  • a

Così fa male. A testa altissima la Ternana domina al San Nicola ma è costretta a lasciare i playoff più per gli errori di un Marchetti inadeguato per una gara del genere che per superiorità del Bari. Anzi, in campo si è vista solo la Ternana. In un San Nicola triste per i tanti seggiolini vuoti, le due formazioni scendono sul rettangolo senza alcuna novità. Laribi dietro ad Antenucci e Simeri, Verna al posto di Paghera squalificato. I quattro mesi di stop si fanno sentire per il Bari, visto che nella prima mezz’ora è la Ternana a dettare gioco e ritmo gara. Rinvigorita nello spirito dalla prima trasferta pugliese negli ottavi, è la squadra umbra a farsi vedere dalle parti di Frattali con Ferrante. Sempre l’italoargentino, il più in palla nei primi minuti, viene abbattuto da Di Cesare causando il primo cartello giallo del match. Però, i giocatori rossoverdi iniziano a dare forfait per diversi motivi: Partipilo prende il posto di un acciaccato Defendi, mentre il tackle di Di Cesare costringe Ferrante ad alzare bandiera bianca. Al suo posto Vantaggiato. Neanche un giro d’orologio e, quasi per uno scherzo del destino, è proprio il brindisino a iscriversi nella cronaca della partita. Entrato su un corner del Bari, il tiro di Laribi respinto da Iannarilli carambola proprio sul braccio del neo entrato. Purtroppo per la Ternana, come già visto in Serie A, per le nuove regole Marchetti indica il dischetto di rigore. Come di consueto, si presenta l’ex di lusso Antenucci che di potenza batte Iannarilli. La sorte sembra accanirsi sulle Fere quando Gallo è costretto a giocarsi tutti gli slot dei cambi nei primi trentasei minuti con Mammarella e Nesta per i due terzini. Il Bari prova ad approfittare delle vicissitudini altrui, ma le Fere tengono botta fino all’intervallo. Vivarini non cambia, Gallo non può più, e la ripresa inizia. Eppure la Ternana è in gara, agevolata da un Bari piazzato per intero dietro alla linea della palla. Vantaggiato prova a scrollarsi di dosso l’errore del primo tempo, ma il suo destro da fuori area sibila di poco fuori. All’ennesimo fallo di mano fischiato da Marchetti, Gallo esplode in panchina e viene allontanato dal campo. Stesso destino per Palumbo che, qualche minuto dopo entra su Hamlili vedendosi sventolare, tra l’incredulità generale, il rosso da Marchetti. La rabbia della Ternana viene scaricata tutta nel destro di Vantaggiato dal limite dell’area che pareggia i conti. I quindici minuti finali sono drammatici dal punto di vista sportivo. Il Bari fatica, la Ternana spinge. Gli errori di Marchetti, però, pesano troppo e la fine arriva. Triplice fischio. Sipario. Così, però, fa male.