Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Italia-Argentina, il 3 luglio di 30 anni fa l'uscita a vuoto di Zenga e i rigori fatali contro Maradona | VIDEO

  • a
  • a
  • a

Il 3 luglio di 30 anni fa l'Italia calcistica subì una delle beffe più atroci nella sua storia ai Mondiali, con l'eliminazione ai rigori in semifinale contro l'Argentina a Italia '90. Si giocava infatti la semifinale tra gli azzurri di Azeglio Vicini, sempre vittoriosi fino a quel momento e con 0 gol subiti, e la nazionale di un Maradona non certo al top della condizione fisica. L'Italia era favorita, ma il match si giocò a Napoli, con il San Paolo diviso tra il tifo per gli azzurri e quello per il loro idolo di sempre.

La sequenza dei rigori

 

 

L'Italia andò in vantaggio in apertura con Totò Schillaci, ma alla mezz'ora della ripresa un'uscita a vuoto di Zenga spalancò le porte al pareggio argentino con Caniggia. La squadra di Vicini subì il colpo e non riuscì più a segnare nonostante la superiorità numerica per l'espulsione di Giusti nel primo tempo supplementare. Ai rigori passò l'Albiceleste, fatali gli errori di Donadoni e Serena. Poi l'Argentina perse in finale contro la Germania Ovest, che si laureò campione del mondo.