Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Merkaj miglior giovane del campionato

Federico Pastorelli
  • a
  • a
  • a

L'ultima volta che lo abbiamo intervistato, erano i primi di febbraio, fissava quota 7 e la salvezza diretta come suoi obiettivi. Oggi che il campionato è finito ormai da un po', il suo curriculum recita 10 gol, 5 assist e una salvezza centrata con largo anticipo. E' Silvio Merkaj, attaccante albanese classe 1997 del Castel del Piano, il giovane con la media voto più alta del campionato d'Eccellenza che sarà premiato durante la serata di gala di Vota il Campione. La punta rossoblù, con un ottimo 6,53 in 27 presenze ha bruciato al fotofinish il portiere del Massa Martana Christian Tamburini (classe 1996) e l'attaccante del Trestina Michael Salis (classe 1996) entrambi sul podio con un buonissimo 6,51 di media. A completare un'ipotetica Top 11, oltre al portiere e ai due attaccanti, difesa che vede protagonisti: Niccolò Grifoni (1996 Narnese, media: 6,27), Giacomo Minelli (1996 Ventinella, media: 6,25), Alessandro Sorci (1997 Villabiagio, media: 6,21), Alessandro Galassi (1997, Angelana, media: 6,21). A centrocampo invece i migliori sono: Eddy Omohonria (1999 Pontevecchio, media: 6,37), Edoardo Proietti (1997 Narnese, media: 6,20), Andrea Ciccone (1998 Ventinella, media: 6,19), Nicola Scopetti (1996 San Sisto, media: 6,18). Da segnalare anche l'ottima performance del portierone della Subasio Christopher Rossi (1996) che con una splendida media voto di 6,42 anche quest'anno è risultato tra i più brillanti. Ma torniamo al vincitore, Silvio Merkaj, classe 1997, nato a Valona, in Albania, e trasferitosi in Italia a 4 anni. Inizia a giocare a calcio a 11 anni nelle Marche, con il Delfino Fano, poi si trasferisce in Umbria, dove gioca per due anni e mezzo con la Trasimeno '92 (attuale Mugnano). A 14-15 anni passa al Castel del Piano. E' un attaccante che ha nelle doti atletiche, nella corsa e nel colpo di testa il suo cavallo di battaglia, e che vuole ancora migliorare tecnicamente e nella freddezza sotto porta. Tifa Milan e si ispira ad Andriy Shevchenko e Zlatan Ibrahimovic. Il baby rossoblù esprime tutta la gioia per un'annata davvero da ricordare, anche se secondo lui, poteva essere ancor più bella. "Sinceramente non mi sarei mai aspettato di fare una stagione del genere – rivela Merkaj - e di certo non mi sarei mai immaginato di finire il campionato con 10 gol e come miglior fuoriquota. Ma ad un certo punto della stagione ho incominciato a crederci e a migliorare di partita in partita. E' stato fantastico, anche se non sono pienamente soddisfatto, perché secondo me potevo fare ancora qualcosina in più. Per quanto riguarda la squadra abbiamo raggiunto il nostro obiettivo, cioè la salvezza, con 5 giornate di anticipo, sorprendendo un po' tutti; anche in questo caso dico che potevamo finire con un piazzamento migliore". Silvio ci tiene a dividere questa soddisfazione con le persone a lui più care e quelle che lo hanno aiutato. "Ringrazio soprattutto mio padre Mojsi, che per farmi giocare a pallone da quando ero piccolo fino ad oggi ha fatto tanti sacrifici – commenta il classe 1997 - un grande ringraziamento va al mister Fabrizio Ciucarelli, perché ha trovato il ruolo adatto a me, mi ha dato fiducia e mi ha aiutato sempre, tanto che si è instaurato un grandissimo rapporto. Ringrazio tutti i miei compagni di squadra, la mia seconda famiglia; persone eccezionali sia fuori che dentro al campo. Ho un grande rapporto con tutti, ma soprattutto con Spaccini, Bianchi, Cerbini, Bertolini, Manuali, Marianeschi e con i "miei fratelloni" Filippo Mattia e Klodjan Malocaj. Un ringraziamento speciale invece a Germano "Jerry" Spaccini, il grandissimo massaggiatore del Castel del Piano; senza di lui quest'annata non sarebbe stata la stessa, perché mi ha rimesso in sesto molteplici volte in brevissimo tempo, facendo i "miracoli". Persona umile, disponibile e piena di valori. Ringraziamento a parte anche per il Capitano "Il Lion" Tempesta che mi ha dato molte dritte per il futuro". Già quel futuro che Silvio vede ancora a chiare tinte rossoblù. "Per il momento sono un tesserato del Castel del Piano. Se ho ricevuto qualche offerta? Non so che dire – chiude Merkaj – non ho avuto nessuna notizia o informazione a riguardo".