Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Fere, torna la difesa tipo: Janse c'è

Gigi Vitale

Luca Giovannetti
  • a
  • a
  • a

Parziale schiarita in casa Ternana in vista della sfida casalinga di martedì sera contro il Frosinone. Infatti tornano Meccariello e Popescu dopo il turno di squalifica scontato contro il Catania. VOTA il sondaggio Pertanto nonostante la perdurante assenza di Masi, Ferronetti e Bastrini cessa l'emergenza in difesa, anche perché Janse dovrebbe farcela nonostante la forte contusione alla mano sinistra rimediata venerdì scorso in terra siciliana. Domenica mattina lavoro in palestra per Masi (impegnato nella fase finale della riabilitazione dopo l'intervento alla tibia subìto a novembre). Assenti Ferronetti (frenato dalla pubalgia) e Bastrini (fermo il problema al polpaccio che lo tormenta da una ventina di giorni). Fuori causa anche Piredda (alle prese con i postumi dello stiramento ai flessori interni della gamba destra accusato a metà novembre). Regolarmente in gruppo invece Janse, che verrà sottoposto ad accertamenti radiografici. Viceversa non ci sarà Falletti, che allo stadio "Massimino" ha rimediato il quarto cartellino giallo stagionale e quindi è stato fermato dal giudice sportivo (invece Vitale si è aggiunto nell'elenco dei diffidati). In sostanza contro la compagine gialloblù out Masi, Ferronetti, Bastrini e Piredda (infortunati) e Falletti (squalificato). Scontata la conferma del modulo, anche se dopo il 5-3-2 utilizzato contro Perugia e Catania si potrebbe tornare al 3-5-2 adottato in precedenza. In ogni caso nel pacchetto arretrato si profila la riproposizione del terzetto di marcatori centrali composto da Valjent, Meccariello e Popescu, con Fazio e Vitale sulle fasce. Ma Janse ammirato contro il Catania nel ruolo (per lui inusuale) di marcatore di destra rappresenta un'ottima alternativa. A centrocampo scontate le conferme di Gavazzi come mezzala destra e di Viola in cabina di regia, mentre sono in lizza in posizione di interno sinistro Eramo (favorito) e Palumbo. Altro ballottaggio in avanti tra Ceravolo (in vantaggio) e Bojinov, con Avenatti (sebbene non al meglio per i postumi della distorsione alla caviglia destra subita agli inizi di marzo contro la V. Entella) pressoché certo del posto.