Gubbio, il professor Corbucci lascia il club

Il professor Corbucci osserva l'allenamento

Calcio Serie C

Medici in prima linea, a Gubbio arrivano le dimissioni di Corbucci

22.05.2020 - 09:39

0

ll professor Giangiacomo Corbucci, medico sociale del Gubbio non arretra di una virgola: “L’ho detto e lo confermo: se si ricomincia a giocare mi dimetto”. E prosegue: “Per effettuare tamponi ogni 3 giorni, e sierologici settimanali, a parte i costi insostenibili per i club di Serie C, servirebbero circa 55mila tamponi e 20mila test sierologici. A tanto ammonterebbe il “pacchetto sicurezza” delle 60 squadre in caso di ripartenza del campionato. E questi non sono numeri buttati lì a caso, ma esattamente quelli indicati dal rappresentante della Commissione Medica Federale, il dottor Braconaro. A tutto ciò si devono aggiungere i costi diretti e indiretti per l’attuazione del protocollo”. “Un protocollo - continua - che si sta tentando di edulcorare per renderlo di più facile applicazione ma che, per forza di cose, lo renderà meno sicuro per la salute dei calciatori, dello staff, di quanti orbitano nel giro della squadra. E per questo, e per tanto altro, se non cambiano le cose io confermo le mie dimissioni da responsabile medico dell’As Gubbio. Perché non esistono i presupposti per garantire il “rischio zero” da contagi”. “Perché in ultima analisi - conclude - non piego la schiena alla logica del potere e dei soldi seguendo la quale si può calpestare tutto, mettendo in secondo piano la salute che, invece, è il primo bene che va difeso a tutti i costi e contro tutto e tutti. Non si può pensare a un protocollo “light”, come dicevo, quindi più fattibile per le società di Lega Pro, perché tale protocollo non sarebbe deontologicamente corretto né sufficiente a tutelare gli atleti e lo staff. Non esiste e non deve iniziare a esistere una salute di Serie A e di Serie B e di Serie C”.

Il direttore sportivo Giammarioli ha una sua idea e una spiegazione sul perché il Consiglio Federale non abbia detto stop al campionato di Serie C nonostante l’assemblea dei presidenti avesse votato in questo senso. 

“Tutti i problemi sono scaturiti sulla quarta promozione - dice Giammarioli - questo ha scatenato dibattiti di cui non avevamo bisogno in un momento così”. 

A questo punto l’incontro del 28 con il ministro Spadafora diventa decisivo e tutto dipenderà dai dati epidemiologici sulla diffusione del Coronavirus. È d’accordo?

“La curva dei contagi si è abbassata, ma come sappiamo, basta poco per accendere nuovi focolai. Speriamo che il 28 la situazione sia ancor più migliorata, anche se bisognerà stare attenti lo stesso per una percentuale di rischio. Non so se la decisione di ricominciare a giocare abbia delle ragioni che non conosciamo, mi è difficile trovarle”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Balzo occupazione in Usa a maggio, Trump: "Numeri incredibili"

Balzo occupazione in Usa a maggio, Trump: "Numeri incredibili"

(Agenzia Vista) Usa, 05 giugno 2020 Balzo occupazione in Usa a maggio, Trump: "Numeri incredibili" "Gli Stati Uniti hanno di gran lunga superato la pandemia di Covid-19", ha dichiarato il presidente Trump durante una conferenza stampa nella quale ha letto i dati più che positivi sull'occupazione di maggio. Fonte White House Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Amici Speciali, Irama vince davanti a Michele Bravi: finale emozionante su Canale 5

Televisione

Amici Speciali, Irama vince davanti a Michele Bravi: finale emozionante su Canale 5

L'edizione di Amici Speciali è stata vinta da Irama. Il cantante decide di posizionare il trofeo al centro tra lui e Michele Bravi, l'altro finalista, perché simbolicamente ...

06.06.2020

Amici Speciali, “Stash diventa papà”: l’annuncio di Maria De Filippi in diretta tv. Lui emozionato Video

Televisione

Amici Speciali, “Stash diventa papà”: l’annuncio di Maria De Filippi in diretta tv. Lui emozionato Video

Emozioni nella finale di Amici Speciali su Canale 5, venerdì 4 giugno su Canale5. Si apprende in diretta tv che Stash sta per diventare papà. L'annuncio lo fa Maria De ...

05.06.2020

Mara Venier, condurrà Domenica In col gesso domenica 7 giugno: "Vado in onda, almeno ci provo"

Televisione

Mara Venier, condurrà Domenica In col gesso domenica 7 giugno: "Vado in onda, almeno ci provo"

Mara Venier domenica 7 giugno andrà in onda con il gesso. A confermarlo la stessa conduttrice di 'Domenica in' che, contattata dall'Adnkronos ammette: "Sì andrò in onda o ...

05.06.2020