Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La denuncia di Peluso, Foligno: "Lo stipendio di un mese in serie A? Ci campo 7 anni"

Peluso in azione (Foto Cardinali)

Luca Mercadini
  • a
  • a
  • a

il capitano del Foligno Maurizio Peluso ai tempi del coronavirus:” Il calcio mi manca da morire sia quello giocato e l'altro che si vede in tv. Manca la vita di tutti i giorni. Stare in casa per quasi ventiquattro ore al giorno non è facile per nessuno-argomenta Peluso- fortunatamente ho degli spazi dove posso allenarmi, ho un giardino a casa e ci faccio lavoro di forza, poi a venti metri da casa ho uno spazio privato  che mi permette di fare corsa, quindi fare lavoro aerobico come da tabella di lavoro consegnata dal nostro preparatore atletico- il capitano biancazzurro affronta le ristrettezze  economiche che stanno attraversando le società dilettantistiche- Il problema economico colpisce tutti, certo i professionisti hanno maggiori tutele. Con uno stipendio di un mese di un giocatore di serie A  io e la mia famiglia ci  viviamo sette anni. In serie D le tutele magari sono minori, gli stipendi sono solo rimborsi spesa che permettono ai giocatori di andare avanti