Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, calcio, il presidente della Uefa Ceferin: "Stagione persa se non si torna a giocare entro giugno"

Lorenzo Fiorucci
  • a
  • a
  • a

Stagione del calcio persa se il pallone non tornerà sui campi entro la fine di giugno. Lo dice chiaramente il presidente della Uefa Aleksander Ceferin in una intervista a Repubblica. La pandemia da Coronavirus non accenna a placarsi e il calcio europeo, pur pensando a tre piani alternativi, non si illude di poter tornare alla normalità. "In questo momento drammatico" sottolinea Ceferin, "la cosa più importante è la salute, uscire da questa crisi. Il calcio interrotto simboleggia che l'Europa e il mondo si sono fermati. Ci sono tre opzioni: ricominciare a metà maggio, a giugno o alla fine di giugno. Se poi non dovessimo riuscirci, la stagione probabilmente sarebbe persa. C'è anche l'opzione di riprendere all'inizio della prossima, cominciando più tardi quella successiva. Ma dovremo vedere la soluzione migliore per Leghe e club. Ora però dobbiamo aspettare, come ogni altro settore: nessuno sa quando la pandemia finirà», conclude Ceferin.