Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ternana, ecco il dossier con tutti i torti arbitrali. Quanti rigori a Bari e Reggina!

Fabio Gallo, allenatore della Ternana

Luca Mercadini
  • a
  • a
  • a

I 2 rigori solari (Defendi atterrato da Adamonis e fallo di mano di Ferrara su Torromino) negati contro la Sicula Leonzio da Garofalo (non aiutato dal primo assistente Bocca) rappresentano la goccia che fa traboccare il vaso dei torti arbitrali. Adesso la Ternana lamenta (immagini incontrovertibili) marchiani errori arbitrali in 10 gare, con un danno potenziale di 8-10 punti. Purtroppo in C il livello medio della classe arbitrale non è eccelso (litote). E senza V.a.r. (nel prossimo campionato verrà adottato in B ma per impedimenti di natura economica in questa categoria resterà un miraggio) nessun rimedio al problema.   Errori ininfluenti   Non incidono le sviste di Francavilla Fontana (settima giornata, D'Ascanio sorvola sull'intervento scomposto di Delvino ai danni di Paghera a pochi passi dalla porta, decisivo il gol di Ferrante nel finale) e del match interno contro la Viterbese (sedicesimo turno, lo stesso arbitro ignora un atterramento di Salzano e un fallo di mano di De Giorgi, vittoria arpionata in extremis da Vantaggiato). Rigori negati (da Gariglio e Di Graci) anche in occasione dei successi casalinghi contro Catania e Picerno.   Errori decisivi   Determinanti gli errori di Carrione al “Liberati” contro il Monopoli (0-2, mancata espulsione di Carriero, rigori non assegnati su Salzano e Torromino e gol annullato a Furlan) e di Colombo nella recente trasferta di Monopoli (0-0, gol annullato a Russo proprio allo scadere). In mezzo mancano i rigori contro la Reggina (1-1, Marchetti, “affossamento” di Bergamelli sugli sviluppi di un corner) e a Teramo (1-1, Cudini, fallo di Cristini su Marilungo). E a Bari (sconfitta per 2-0) il primo gol avversario scaturisce da un fallo laterale invertito da Meraviglia.   Miraggio dischetto   Un solo penalty per Casertana, Rieti e Viterbese, 2 per Potenza e Ternana (realizzato da Salzano contro il Rende e sbagliato da Partipilo contro la Cavese). Di contro 5 rigori per la Reggina e 8 per il Bari. Forse tutti inequivocabili, ma questa “forbice” si ripercuote sulla classifica.