Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Gubbio, ecco le prime parole in rossoblù del lituano voluto da Torrente

Luca Mercadini
  • a
  • a
  • a

Il centrocampista lituano Linas Megelaitis è un calciatore del Gubbio. Ieri è arrivato allo stadio “Pietro Barbetti” verso le 11,30 accompagnato dal diesse Giammarioli. Nel pomeriggio ha sostenuto il suo primo allenamento in rossoblù, in serata ha rilasciato le prime dichiarazioni. “Sono molto contento di essere approdato al Gubbio - ha detto - e sono convinto che faremo bene nel girone di ritorno”. Il suo nome è stato condiviso dal direttore Giammarioli e dal tecnico Torrente che lei conosce già dallo scorso anno. “Sì, il mister l'ho avuto alla Sicula Leonzio. È preparato e bravo, ti sa dare tanta carica e prepara le partite alla perfezione. Anch'io ho voluto il Gubbio”. Davanti alla difesa Megelaitis ha alternato giocate di fino a interventi in interdizione basati sulla forza fisica e sulla cattiveria agonistica. “Sono due i giocatori che più ammiro al mondo. Per ordine di importanza il primo è Toni Kroos e il secondo Luka Modric, entrambi del Real Madrid. Cerco di ispirarmi a loro che sono campioni assoluti”. Il suo obiettivo? “Fare bene e dare il massimo per il Gubbio. Come traguardo personale cercherò di trovare quella continuità che nella prima parte di stagione ho fatto fatica ad avere a Lentini”. Nazionale Under 21 ha fatto tutta la trafila nelle nazionali minori collezionando 8 presenze nell'Under 17, 9 nell'Under 18, 3 nell'Under 19 e 2 nell'Under 21 dovrebbe giocare fin dal primo minuto a Verona, domenica contro la Virtus Vecomp.