Gubbio, Notari, la curva e gli imprenditori della città

Notari, presidente del Gubbio

calcio

Gubbio, Notari: "Sono pronto a farmi da parte"

03.10.2019 - 12:08

0

Sono trascorsi milleottocentoventicinque giorni da quel primo ottobre 2014 quando Sauro Notari è diventato presidente dell’As Gubbio. Sono stati cinque anni difficili, conditi da una cocente retrocessione, ma anche da un campionato stravinto in Serie D per tornare tra i professionisti. Qualche gioia, e poi le ultime tribolate stagioni con la salvezza agguantata sul filo di lana. Ma mai il presidente ha tentennato, deciso più che mai a riportare entusiasmo tra i tifosi e prestigio in casa rossoblù. Almeno fino a ieri mattina quando ha tuonato: “Sono stufo, sono pronto a passare la mano. Se c’è una persona seria che vuole la società può venire nei miei uffici che gli consegno subito le chiavi della sede”. 

Il tono della voce deciso, le parole taglienti: “Ho 63 anni e voglio vivere tranquillo. Nel Gubbio ci sto mettendo tanti soldi, passione, impegno. Tolgo ore e ore alla mia famiglia, ai miei cari, al mio lavoro. Chi me lo fa fare? Per cui dico basta”.

Dove è finito l’amore per la squadra della sua città che lei ha sempre definito una sua creatura?

“Sono cambiate tante cose, il clima che si è venuto a creare è molto diverso. Non c’è più l’entusiasmo che mi ha portato a prendere sulle spalle onori e oneri di una società con tanti problemi economici di portata non certo trascurabile. Ma ero animato da amore vero per il Gubbio”.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso sono stati i cori dei tifosi che lo hanno attaccato domenica dopo il pareggio contro la Feralpisalò?

“Non mi hanno certo fatto piacere, ma non è soltanto quello. Non sono pochi tifosi che urlano il loro dissenso, perché anche io sono arrabbiato. Quello che mi fa male è sapere che ci sono dietro personaggi che lavorano nell’ombra, gente cattiva dentro, nell’anima, che vuole solo il male del Gubbio. Che non gioisce se la squadra vince, che spera sempre che qualche cosa vada male”.

Il suo è uno sfogo?

“Adesso è così. Ripeto sono arrabbiato, amareggiato, deluso e intenzionato a lasciare a una persona seria le sorti del Gubbio. Magari sarà molto più bravo di me. Quello che è certo è che io ci ho messo tutto quello che ho potuto e ho onorato finora anche tutti gli impegni presi”.

Prima di mollare però c’è una squadra che non va. Che fa fatica, che non ha ancora vinto. E questo è forse il suo cruccio più grande. Cosa farà? Prenderà decisioni anche in questa settimana?

“Qualche cosa farò. È chiaro che devo fare qualche cosa, non si può stare con le mani in mano. Bisogna diagnosticare il male, farlo con precisione e da lì prendere le decisioni più opportune”.

Magari facendo risultato a Reggio Emilia potrà tornare sui suoi passi?

“Ogni stagione ha il suo frutto. Tutti cadono, chi si rialza per primo è migliore degli altri. Non sono certo io il tipo che non ha il coraggio di affrontare i problemi o che non ha la forza di rialzarsi. La grinta e la determinazione non mi mancano così come la voglia di guardare avanti. Però...”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Mediagallery

Renzi alla Leopolda cita Aldo Moro e chiude sulle note di Tommaso Paradiso: "Non avere paura"

Renzi alla Leopolda cita Aldo Moro e chiude sulle note di Tommaso Paradiso: "Non avere paura"

(Agenzia Vista) Firenze, 20 ottobre 2019 Renzi alla Leopolda cita Aldo Moro e chiude sulle note di Tommaso Paradiso: "Non avere paura" Matteo Renzi interviene sul palco della Leopolda 10: "Se vogliamo essere presenti, diceva Aldo Moro, dobbiamo essere per le cose che nascono anche se hanno contorni incerti, e non per le cose che muoiono, anche se vistose e in apparenza utilissime" Fonte: Agenzia ...

 
Di Maio e l'inglese, prova superata

Di Maio e l'inglese, prova superata

(Agenzia Vista) Washington, 20 ottobre 2019 Di Maio e l'inglese, prova superata Il ministro degli Esteri, Luigi di Maio, a Washington interviene in inglese al convegno 'Un futuro comune: Stati Uniti e Italia', organizzato dal Consiglio per le relazioni tra Italia e Stati Uniti / fonte FB. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Sculture a tema, le quattro opere  realizzate

Eurochocolate

Sculture a tema, le quattro opere realizzate

Un grande grifo con un bottone tra gli artigli è la monumentale scultura realizzata da Stefano Chiacchella. Un bottone che diventa rosone nell’opera di Massimo Arzilli o che ...

20.10.2019

Traffico rivoluzionatoper don Matteo

Spoleto

Traffico rivoluzionato
per don Matteo

Ultime due settimane di permanenza a Spoleto per il cast di Don Matteo 12. Le riprese nella città del Festival, che in questi giorni di metà ottobre sta ospitando numerosi ...

19.10.2019

Lorenzo Rinaldi ai "live": il sogno continua

su sky

Il ternano Lorenzo Rinaldi ai "live" di X Factor

Lorenzo Rinaldi, il 19enne ternano in lizza a X Factor, il talent più popolare della tv italiana, su Sky, è tra i 12 finalisti. Il giudice della sua categoria, Malika Ayane, ...

18.10.2019