Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il grande ciclismo in Umbria: a Terni la Tirreno-Adriatico 2020, a Foligno e Perugia il Giro d'Italia 2021

La maglia rosa alla partenza della Foligno-Montefalco nel Giro 2017

Nicola Uras
  • a
  • a
  • a

L'Umbria si conferma terra di ciclismo e grandi eventi. Nel prossimo biennio infatti sarà protagonista nelle due principali corse a tappe italiane e mondiali: la Tirreno-Adriatico 2020 e il Giro d'Italia 2021. L'amministrazione comunale di Terni infatti si è aggiudicata la sede d'arrivo di una tappa della corsa dei due mari che il prossimo anno raggiungerà l'edizione numero 55. La Tirreno-Adriatico si correrà dall'11 al 17 marzo e la tappa con arrivo a Terni sarà una di quelle centrali. L'ultima volta del grande ciclismo nella città dell'acciaio fu proprio con la corse dei due mari nel 2012 e vinse il norvegese Edvald Boasson Hagen (la classifica generale se l'aggiudicò Vincenzo Nibali). Accordo fatto dunque con l'organizzazione, la Rcs legata a Urbano Cairo e la Gazzetta dello Sport, manca solo l'ufficialità del ritorno del grande ciclismo che darebbe lustro e visibilità a tutto il territorio. L'altra perla invece riguarda il Giro d'Italia e come protagoniste le città di Foligno, da anni in primissima linea con la corsa rosa, e Perugia. L'accordo con Rcs in questo caso riguarderebbe l'edizione del Giro d'Italia che si correrà nel 2021 e sarebbe una succulenta cronometro individuale con un passaggio sulla strada Centrale Umbra di circa sei chilometri e arrivo nell'acropoli perugina in piazza IV Novembre. Davvero una tappa suggestiva sia per le bellezze del territorio ma anche dal punto di vista tecnico perché rappresenterebbe una snodo cruciale per la corsa. Non andate a buon fine le trattative per il 2020, il cartello Foligno-Perugia ha strappato l'accordo per il 2021. Sarà una tappa spettacolare, un'autentica cartolina dall'Umbria al mondo (lo scorso anno le immagini arrivarono in 198 stati). Un rapporto solidissimo quello tra Umbria e Giro d'Italia: la Foligno-Perugia del 2021 sarà infatti la novantunesima volta in cui la corsa rosa sarà nella nostra regione, tenendo conto sia delle tappe corse interamente nel cuore verde d'Italia, sia di quelle con solo partenza o arrivo. La prima fu nel lontano 1921, Bologna-Perugia di 321 chilometri e vinse il campionissimo Costante Girardengo. L'ultima in ordine di tempo nel 2018 con la Penne-Gualdo Tadino (vinse lo sloveno Matej Mohoric). L'ultima frazione interamente in territorio umbro fu proprio una tappa a cronometro: la Foligno-Montefalco del 2017 (in quella occasione trionfò l'olandese Tom Dumoulin) passata alla storia come Sagrantino Stage. servizio di Nicola Uras