Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Tari, il Comune mette le mani avanti: "Nessuna bolletta gonfiata"

Cesare Bertoldi
  • a
  • a
  • a

Anche il Comune di Spoleto mette le mani avanti: “E' stato correttamente applicato il calcolo della tariffa Tari. Non ci sarà quindi nessun caso di bollette gonfiate”. Numerosi Comuni italiani - come riconosciuto anche dal ministero dell'Economia e delle Finanze - hanno invece erroneamente applicato la quota variabile della tassa sui rifiuti alle pertinenze dell'utenza domestica, chiedendo ai contribuenti più di quanto avrebbero dovuto versare. Tale parte variabile va applicata solo all'abitazione, invece. “Nel nostro Comune non ci sono problemi nel calcolo della Tari", afferma il dirigente finanziario del Comune, Claudio Gori - ai sensi della norma vigente le pertinenze delle abitazioni (autorimesse, cantine, o altro) non sono mai state oggetto di applicazione della quota variabile e pertanto non si sono verificati casi di tariffe gonfiate. Le modalità di calcolo sono comunque rilevabili nel dettaglio dell'avviso di pagamento 2017 da cui è possibile riscontrare la corretta imposizione per le unità pertinenziali”. Per quanto attiene la fonte normativa di riferimento è possibile consultare il Regolamento per la disciplina dell'Imposta unica municipale (I.U.C.) al seguente link: (http://www.comunespoleto.gov.it/wp-content/uploads/2014/10/RegolamentoIUC2014-2.pdf).