Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Agenti di polizia penitenziaria aggrediti in carcere

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

Agenti della polizia penitenziaria aggrediti in carcere. L'episodio è accaduto, secondo quanto denunciato dal Sindacato autonomo di polizia penitenziaria, nella giornata di giovedì a Spoleto. "Un'aggressione tanto violenta quanto ingiustificata - dicono dal Sappe - che ha avuto come conseguenza il ferimento di due poliziotti penitenziari. I poliziotti penitenziari erano intervenuti nella cella del detenuto, un italiano ristretto per reati comuni che stava tentando di appiccare un incendio. E' solo grazie all'ausilio di altri colleghi, intervenuti immediatamente sul posto, che si è riusciti a contenere il detenuto stesso e a evitare ulteriori complicazioni per gli agenti, che sono comunque dovuti ricorrere alle cure del nosocomio cittadino per le lesioni subite. A loro va la nostra vicinanza e solidarietà”. Il segretario generale del Sappe, Donato Capece, chiede quindi di dotare gli agenti di strumenti di tutela efficaci, come può essere lo spray anti aggressione. Fabrizio Bonino e Loreno Scerna, rispettivamente segretario e vice segretario regionale Sappe per l'Umbria, evidenziano che nel 2014 nelle carceri umbre si sono contati “69 episodi di colluttazione e 29 ferimenti. Nel carcere di Spoleto le colluttazioni sono state 23 e 2 i ferimenti, mentre i suicidi di detenuti sventati dai poliziotti penitenziari sono stati 4e 44 gli episodi di autolesionismo”.