Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Due Mondi, nel 2017 chiusura con Riccardo Muti

Alla presentazione Lucrezia Lante della Rovere

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

Un concerto di chiusura diretto dal maestro Riccardo Muti. E' questa la promessa fatta da Giorgio Ferrara, direttore artistico del Festival dei Due Mondi di Spoleto, prima della presentazione della kermesse in programma a Roma venerdì. Il concerto, secondo quanto promesso, si terrà in piazza a chiusura dell'edizione del 2017. Intanto anche Lucrezia Lante della Rovere ha preso parte alla conferenza stampa di presentazione del Due Mondi. Presente il sindaco di Spoleto e l'assessore regionale alla Cultura Bracco. Giorgio Ferrara ha poi annunciato le novità per la prossima edizione: "Ho coronato un sogno finalmente - ha detto -  al Giancarlo Menotti canterà Juliette Greco". Due concerti, il 10 e 11 luglio. Il concerto finale invece proporrà Franz Schubert e Johannes Brahms. Direttore Jeffrey Tate con l'orchestra giovanile italiana della scuola di musica di Fiesole. La produzione Spoleto 58 Festival dei 2Mondi è prevista per il 12 luglio. Apertura con "Così fan tutte" di Mozart il 26 giugno con repliche il 28 e 29 giugno al teatro Menotti. A completare il programma, il ricordo del quarantennale della morte di Pier Paolo Pasolini. Verrà proposto Porcile, testo di Pasolini, per la regia di Valerio Binasco con Mauro Malinverno, Alvia Reale, Francesco Borchi, Elisa Cecilia Langone, Franco Ravera, Fabio Mascagni, Fulvio Cauteruccio, Pietro D'Elia. Al San Simone il 27, 28, 30 giugno e l'1, 2, 3, 4 e 5 luglio. Sempre per il teatro, straordinaria partecipazione di Vanessa Redgrave con A world I loved, the story of Arab woman, ideato da Mariam C.Said e la stessa Redgrave. Narratori Vanessa Redgrave, Najla Said, Namin Sawalha. Narra le memorie appassionate della educatrice araba Wadad Makdisi Cortas. La Redgrave sarà di scena il 4 e 5 luglio al Menotti. La conferenza di presentazione si è chiusa con l'omaggio annunciato a Luca Ronconi: due eventi e la delibera già acquisita per intitolare alla memoria del regista, da poco scomparso, il suo spazio preferito a Spoleto: il Teatrino delle Sei. Le parole del ministro Franceschini hanno rilanciato la formula di un festival, il Due mondi, che nell'anno di Expo può essere di grande richiamo per un pubblico internazionale.