Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Due umbri scampati all'attentato al museo di Tunisi

Anna Maria Piccirilli
  • a
  • a
  • a

Stanno bene i due passeggeri di Campello sul Clitunno, Renato Albagini e la compagna, che si trovano a bordo della nave da crociera Costa Fascinosa, nave che ha pagato il maggior tributo di sangue per il tremendo attentato al museo del Bardo di Tunisi. Una notizia che ha rincuorato gli amici e i conoscenti che nell'immediatezza dell'attentato avevano cercato, inutilmente, di mettersi in contatto con loro per avere notizie e rassicurazioni. Soltanto venerdì è stato possibile raggiungere Albagini al cellulare, dopo innumerevoli difficoltà dovute anche alle linee intasate. Il campellino non ha nascosto la paura e l'apprensione provata in quel tragico giorno: “Noi non abbiamo fatto parte di quel gruppo di turisti che ha scelto di visitare il museo del Bardo, abbiamo deciso di fare un altro giro per la città - racconta Albagini - ma ovviamente la notizia dell'attentato si è subito diffusa e la paura che abbiamo provato è stata tanta. E' stato solo grazie al fatto di aver scelto un'altra escursione che siamo qui a raccontarlo”. I campellini rientreranno in città lunedì. Anche il sindaco, Domizio Natali si era subito attivato presso l'unità di crisi della Farnesina per avere notizie più precise sui due concittadini.