Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Leonelli: "La riorganizzazione del Pd passa dai circoli territoriali"

Giacomo Leonelli

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

“Alla minoranza che ci chiede un passo indietro rispondiamo con due passi avanti”. Inizia così il documento del segretario regionale del Pd, Giacomo Leonelli, dopo le polemiche scaturite per le pesanti sconfitte elettorali. "Avevamo messo nel conto lo sciame sismico dopo il terremoto politico di Perugia e i risultati dei ballottaggi di Spoleto e Gubbio. Tra la ridda di prese di posizione e richieste, anche quella di dimissioni da parte della minoranza congressuale (per altro non affatto esplicitate nella precedente segreteria regionale). Abbiamo ricevuto moltissimi incoraggiamenti a proseguire il nostro percorso da parte di cittadini, sindaci, iscritti, oltre che dai massimi esponenti del Pd nazionale. Nei loro incoraggiamenti l'invito unanime a proseguire nel lavoro iniziato il 16 febbraio e a rafforzare il profilo innovativo senza tergiversare e senza antichi equilibrismi". Da qui l'idea dei due passi in avanti: "Uno che riguarda la riorganizzazione del Pd Umbria, dei suoi livelli territoriali, tenuto conto anche dei costituendi assetti istituzionali. Una grande campagna di tesseramento che aiuti i circoli territoriali a rinnovarsi, nella consapevolezza che il rinnovamento invocato non può realizzarsi solo dalla testa. L'altro passo in avanti sarà sull'agenda politica. Una fase nuova, dunque, che passi anche dalla capacità di rilanciare il nostro rapporto con la società regionale, con l'auspicio di superare vecchie correnti in nome di una rinnovata centralità della linea politica portata avanti da Matteo Renzi a livello nazionale che, come dimostrato dal risultato alle europee, sta indiscutibilmente dando i suoi frutti".