Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Edith Bruck, chi è la scrittrice che ha raccontato l'Olocausto

  • a
  • a
  • a

Edith Bruck, chi è la scrittrice e poetessa che ha vissuto la tragedia dell'OlocaustoEdith Steinschreiber, questo il suo nome all'anagrafe, è nata il 3 maggio 1931 in Ungheria, a Tiszakarád. E' una delle ultime testimoni della Shoah. Fu deportata ad Aushwitz nel 1944 perché la sua famiglia era di religione ebraica. Aveva solo 13 anni e successivamente fu trasferita a Kaufering, Landsberg, Dachau e Bergen-Bielsen. Nel 1945 venne liberata insieme alla sorella e tornò in Ungheria per poi spostarsi in Cecoslovacchia e, infine in Israele. Qui si è sposata, trasformando il suo cognome in Bruck, ma poi si è trasferita in Italia dove ha deciso di dedicarsi alla carriera di scrittrice. Ha conosciuto il poeta e regista Nelo Risi con cui è rimasta legata sentimentalmente fino al 2015, quando lui è scomparso. Tornando alla sua professione, nel 1959 Edith Bruck ha pubblicato Chi ti ama così, il suo primo romanzo, scritto direttamente in italiano per avere il giusto distacco dalle atroci esperienze vissute nei campi di concentramento. Poi libri su libri fino al suo ultimo romanzo, Il pane perduto, del 2021. Sue anche numerose poesie, le sceneggiature di alcuni film, traduzioni e lavori teatrali. Nel 2018 l'Università Roma Tre l'ha insignita della laurea ad honorem in Informazione, Editoria e Giornalismo, mentre nel 2019 è stata l'Università di Macerata ad assegnarle il riconoscimento in Filologia Moderna. Nel 2021 Papa Francesco l'ha incontrata per ringraziarla del suo lavoro e della sua preziosa testimonianza. Non ha avuto figli.