Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Lando Buzzanca ricoverato in ospedale, la denuncia del suo medico: "In Rsa lo hanno ridotto uno scheletro"

Esplora:

  • a
  • a
  • a

La denuncia arriva dal medico di fiducia dell’attore Lando Buzzanca. Lo fa con un post su Facebook e dice: "La tragica ombra di se stesso, rannicchiato in un letto, scheletrico, sfinito, drammaticamente lucido". Il celebre attore ha compiuto 87 anni lo scorso agosto e ora si trova - ricoverato d'urgenza - al Policlinico Gemelli dall'8 novembre. "Vorrei farvi vedere le immagini ma non mi ferma la privacy ma il rispetto di una icona italiana famosa nel mondo" spiega il dottor Fulvio Tomaselli. E ancora. "Le amorevolì cure dichiarate nel ricovero in RSA dal 27 dicembre, hanno travolto un uomo, che un anno fa camminava e parlava, nella tragica ombra di sé stesso. Questo stato l’ho già denunciato il 5 agosto, come suo medico di fiducia. Ora sta peggio" scrive il medico in un post su Facebook.

 

 

L'attore romano da una settimana si trova all’ospedale Gemelli di Roma, dopo essere caduto dalla carrozzina nella Rsa in cui è ospite ormai da vari mesi. Avrebbe battuto la fronte e sono necessari alcuni accertamenti. Secondo il medico le condizioni di Buzzanca nell'ultimo anno sarebbero drammaticamente peggiorate. Sempre sui sociale anche uno sfogo della sua compagna, Francesca Della Valle di 36 anni più giovane e al fianco dell'attore da 6 nonostante un matrimonio sfumato per l'intervento dei figli di Buzzanca. "La Rsa, come abbiamo denunciato pubblicamente io e Fulvio Tomaselli, in 11 mesi ha distrutto Lando Buzzanca. Oggi è ricoverato d’urgenza al Gemelli, dove finalmente è curato per denutrizione e piaghe da decubito. Spero non sia troppo tardi. Chi ha 'imprigionato' un uomo sano, forte e libero come Lando è l’applicazione della legge 6/2004 (ovvero la norma che ha introdotto nel codice civile l’istituto dell’amministrazione di sostegno, ndr)". Il riferimento della donna, che ha condiviso gli ultimi anni con Lando, è al fatto che i figli abbiano affiancato una figura tutelare al padre perché colpito da demenza senile e quindi incapace di intendere e di volere.

 

 

Le sue condizioni, secondo quanto apprende il Corriere della Sera, non sono gravi e Buzzanca non è in pericolo di vita. Ma a influire sulla sua salute sono il peso dell’età e il suo stato psico-fisico generale, di persona non più lucida. Anche l’infezione che era stata riscontrata al suo ingresso in ospedale, è in via di guarigione. Le sue dimissioni sono previste a breve. Anche se a questo punto resterà da sciogliere il nodo della sua futura collocazione.