Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

A Perugia ecologia e sviluppo sul grande schermo

Sabrina Busirivici
  • a
  • a
  • a

Il cinema ambientale fa rotta su Perugia. Il 18 gennaio 2018 prossimo, infatti, nella sala comunale Sant'Angelo partirà la prima rassegna con i film che hanno vinto durante gli ultimi sei anni il “Green Drop Award”. Si tratta del riconoscimento che “Green Cross Italia” (l'associazione fondata da Mikhail Gorbaciov) assegna dal 2012, durante la Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, al film in concorso che “meglio abbia interpretato i valori dell'ecologia e dello sviluppo sostenibile, con particolare attenzione alla conservazione del Pianeta e dei suoi ecosistemi per le generazioni future, agli stili di vita e alla cooperazione fra i popoli”. Il Green Drop Award prevede nella nostra città la proiezione di otto film provenienti da diversi paesi (Italia, Francia, Israele, Russia, Belgio, Stati Uniti, Cina) che declinano le tematiche ambientali sotto diverse angolature ma che sono accomunati dall'intento di condividere con il grande pubblico la necessità di tutelare la casa comune abbattendo le emissioni climalteranti e proteggendo le risorse naturali. Il pubblico perugino potrà assistere perciò con cadenza mensile a una carrellata fra diversi generi - dal documentario al film d'autore - che rappresenta una preziosa opportunità per conoscere pellicole escluse dalla distribuzione italiana (come Behemoth del regista cinese Zhao Liang) o comunque circolate assai poco nel nostro Paese. La rassegna è promossa dalle riviste “Insula europea” e “Sapereambiente” insieme a Cinegatti (la storica società indipendente che nel capoluogo anima le sale Sant'Angelo e Méliès), biblioteca San Matteo degli Armeni (sede già nota per iniziative legate alla divulgazione della cultura ambientale) e all'Agenzia di comunicazione e studi ambientali Green Factor con il sostegno di Aboca, l'azienda leader nel campo dei medicinali fitoterapici. E proprio per valorizzare al meglio la visione, il programma prevede prima di ogni proiezione una serie di tavole rotonde in biblioteca San Matteo degli Armeni con ospiti legati alle diverse tematiche ambientali. La partecipazione alle tavole rotonde è gratuita, mentre l'ingresso a ogni singola proiezione costa 5 euro (per l'intera rassegna 30 euro).