Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Premio Strega 2022, ecco chi ha vinto: trionfo per Mario Desiati con Spatriati

  • a
  • a
  • a

E' Mario Desiati il vincitore della 76esima edizione del Premio Strega. A portarlo al successo il romanzo Spatriati, pubblicato per Einaudi, con il quale ha ricevuto 166 voti. Desiati ha sconfitto sei avversari (un record, fino al 2021 i romanzi finalisti erano cinque e non sette): Veronica Raimo con Niente di vero; Claudio Piersanti con Quel maledetto Vronskij; Marco Amerighi con Randagi; Fabio Bacà con Nova; Alessandra Carati con E poi saremo salvi e Veronica Galletta con Nina sull’argine. Al secondo posto si è classificato Piersanti con 90 voti e al terzo Carati con 83 voti. Desiati, 45 anni, scrittore, poeta e giornalista è originario di Martina Franca, laureato in Giurisprudenza, ha pubblicato tra gli altri Il libro dell’amore proibito (Mondadori 2013) e Mare di Zucchero (Mondadori 2014). Per Einaudi ha pubblicato anche Candore (2016).

 

 

"Lascerò la bottiglia di Strega intonsa e la aprirò in Puglia in ricordo degli scrittori della mia terra, in particolare di Mariateresa Di Lascia che vinse il Premio Strega ma non riuscì a ritirarlo perché morì prima. La vorrei aprire vicino a dov'è ora Alessandro Leogrande". È la speciale dedica di Mario Desiati, che ha ricordato i due autori pugliesi scomparsi prematuramente. Mariateresa Di Lascia, scrittrice e politica (fu esponente dei Radicali) vinse lo Strega nel 1995 per il 'Passaggio in Ombra' ma il premio le fu assegnato postumo: il libro venne infatti pubblicato dopo la sua morte, avvenuta l'anno prima a soli 40 anni per un tumore.

 

 

Prima della premiazione c'è stato anche il tempo per un momento di commozione: Desiati, infatti, ha ricordato Cloe Bianco, professoressa transgender suicida dopo essere stata allontanata dall'insegnamento perché indossava abiti femminili a scuola. "Tre settimane fa è morta Cloe Bianco, professoressa transgender, che era semplicemente una persona libera, che voleva essere se stessa ma che è stata isolata e si è tolta la vita. La pressione sociale può essere pericolosa e va raccontata", ha detto Desiati, apparso emozionato.