Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Raffaella Carrà, a Madrid inaugurata una piazza a lei dedicata

  • a
  • a
  • a

Madrid ha la sua "plaza Raffaella Carrà". A un anno di distanza dalla morte dell'artista, avvenuta il 5 luglio 2021, nel centro storico della capitale spagnola è stata inaugurata la piazza a lei dedicata, in una traversa di calle Fuencarral, nel centro storico della città. L’iniziativa è stata lanciata poche ore dopo la notizia della morte di Raffaella Carrà da Más Madrid, partito di opposizione di sinistra nel Consiglio comunale della città ed è stata accolta quasi all’unanimità da tutte le forze politiche che ne hanno favorito la rapida approvazione.

 

 

Alla cerimonia di inaugurazione, avvenuta mercoledì 6 luglio, erano presenti vari rappresentanti dei diversi partiti che siedono nel consiglio comunale di Madrid, esponenti del movimento Lgtbi, alcuni familiari della Carrà, tra i quali lo storico compagno Sergio Japino, la vicesindaca di Madrid, Begona Villacìs, e l’ambasciatore d’Italia in Spagna, Riccardo Guariglia. Non è mancata, inoltre, la presenza di fan e cittadini che non hanno voluto perdere l’occasione di partecipare ad una cerimonia intima ma allo stesso tempo emozionante. Nei diversi interventi che si sono tenuti durante la cerimonia il filo conduttore è stato la "trasversalità" e "universalità" del percorso artistico della Carrà, che è stata in grado di unire generazioni, popoli e sensibilità diverse nel pieno rispetto delle diversità.

 

 

"A un anno dalla sua scomparsa, siamo qui per ricordare Raffaella Carrà, una delle protagoniste della storia artistica dell’Italia e della Spagna, una cantante, una ballerina, una presentatrice, un’artista completa che ha avuto un successo mondiale e che con la sua presenza e la sua personalità ha lasciato un segno indelebile nella memoria di ogni italiano e spagnolo", ha affermato l’ambasciatore Guariglia. "Ritengo necessario ricordare l’importanza di questa giornata per l’intera comunità italiana e spagnola, dedicata soprattutto a celebrare il rispetto dei diritti umani e la bellezza della multiculturalità e della libertà di scegliere la vita che ognuno vuole per sé, senza pregiudizi o discriminazioni di sorta", ha aggiunto ricordando che questo evento giunge in concomitanza con le celebrazioni dell’orgoglio Lgtbi. "La musica ci accompagna ogni giorno, in modi diversi, ed è un vero piacere per me lasciarmi catturare ancora una volta, oggi, dalla voce della nostra amata Raffaella Carrà", ha concluso il diplomatico. Insomma, la regina della televisione italiana non verrà mai dimenticata.