Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gianni Celeste, chi è il cantante neomelodico: Tu comm' a mme ormai per tutti Povero gabbiano è diventata virale sui social

  • a
  • a
  • a

Gianni Celeste è stato travolto da un’onda di notorietà improvvisa: la sua canzone Tu comm’ a mme (ormai per tutti: Povero gabbiano) è diventata tramite i social, e in particolare TikTok, un tormentone. Un vero e proprio caso. Racconterà come è successo stasera in tv, ospite di Propaganda Live su La7.  “Devo il successo su Tik Tok a mio figlio Filippo, io non sono neanche come funzionano i social”, ha detto in un’intervista a Repubblica. Filippo Grasso, 27 anni, è il figlio, oltre che fonico e manager del cantante. Ha iscritto il padre su Tik Tok e grazie a un video di due fan palermitani la canzone è diventata virale.

 

 

Ma chi è Gianni Celeste? All’anagrafe Giovanni Grasso, è nato nel 1964 a Catania. Fa parte di quella tradizione piuttosto estesa di cantanti siciliani che cantano in napoletano, canzone neomelodica. È stato fin da piccolo attratto dalla musica partenopea e in particolare dal cantante Mario Trevi. Il suo primo album nel 1985, Ricordo d’estate, vendette circa 50mila copie come si legge sul suo sito ufficiale. Ha recitato nel film Vite Perdute del regista Giorgio Castellani, uscito nel 1992. I versi “povero gabbiano, hai perso la compagna” sono ormai da settimane un tormentone virale sui social. La canzone è del 1988, e neanche allora, all’epoca dell’uscita ebbe tutto questo successo.

 

 

L'ultimo album di Gianni Celeste è del 2021 e il titolo è Lockdown, ora sta lavorando a una nuova versione del pezzo diventato tormentone social. Sempre a Repubblica ha spiegato: "Mi stupisce che una storia triste, d’amore possa diventare ironica, ma va bene così. Tra qualche settimana lancerò anche una nuova versione del brano con un nuovo arrangiamento. Quando ho pubblicato il brano nel 1988 nel mio disco era già molto apprezzato dai miei fan, ora ha un pubblico diverso e sono contento sia arrivata ai coetanei di mio figlio che fino a pochi giorni fa non mi conoscevano. Mi ascoltavano i loro nonni e genitori, ora mi ascoltano anche i ragazzini”. Nella stessa intervista Celeste ha espresso il desiderio di duettare con Nino D'Angelo, “il primo ad aver sdoganato la musica napoletana neomelodica”.