Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Oggi è un altro giorno, perché non c'è e non va in onda lunedì 6 giugno: la stagione è finita, quando ricomincia? Appuntamento a settembre

  • a
  • a
  • a

I telespettatori che oggi, lunedì 6 giugno, si collegheranno su Rai 1 alle 14 per guardare una nuova puntata di Oggi è un altro giorno rimarranno delusi. Il salotto pomeridiano condotto da Serena Bortone, infatti, non andrà in onda. La stagione piena di successo è finita venerdì 3, tra gli applausi della stessa conduttrice, degli affetti stabili e del pubblico.

 

 

"Oggi si chiude una stagione magnifica e strepitosa. Quando abbiamo iniziato due anni fa in pochi credevano in questo programma, ma ci credeva il direttore di Rai 1 Stefano Coletta, che ringrazio per avermi scelto per la conduzione di un programma in una fascia oraria così popolare per la rete ammiraglia. Ci credevano gli autori quando eravamo poco più che un'incognita - ha detto la Bortone venerdì in chiusura di puntata, visibilmente emozionata - Insieme abbiamo imparato che nella vita si possono e si devono prendere dei rischi, quando hai valori che senti di poter condividere e credi nell'onestà del lavoro". Dopo aver nuovamente ringraziato tutti coloro che hanno lavorato dietro le quinte di Oggi è un altro giorno, la Bortone ha voluto spendere alcune parole anche gli affetti stabili, "diventati affetti sul serio. Ringrazio i quasi mille ospiti che abbiamo accolto qui senza mai giudicare. Ci siamo tanto divertiti ma soprattutto abbiamo cercato di illuminare l'Italia del valore, dell'inclusione, della fragilità, della cultura, del sano confronto politico. Di allargare lo sguardo sul mondo, oggi scosso da una guerra spietata che ci fa comprendere con ancora più forza il valore della nostra libertà, di illuminare un'Italia in cui tutti hanno il diritto di essere se stessi, di esprimere la propria semplicità".

 

 

In conclusione, sulle note di Somebody to love dei Queen, la Bortone augura a tutti di trovare "il proprio posto nel mondo, che non è mai solitario perché la vera libertà è sempre condivisa e solidale. Buon vento, ci vediamo a settembre".