Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Made in sud, stasera in tv 23 maggio su Rai2: Luché ospite della puntata

  • a
  • a
  • a

Stasera in tv - lunedì 23 maggio 2022 - torna l'appuntamento su Rai2 con Made in sud (dalle ore 21.20), lo show comico condotto da Lorella Boccia e Clementino più la partecipazione straordinaria di Maurizio Casagrande. Ospite della puntata Luché (alias Luca Imprudente), rapper napoletano classe 1981, tra i più seguiti e amati della scena musicale nazionale che nel 2022 ha pubblicato l’album Dove volano le Aquile. Interverrà poi sul palcoscenico dell'auditorium Rai di Napoli anche il cast della seguitissima serie Mare Fuori ambientata nel carcere minorile di Nisida e di cui è in lavorazione la terza stagione.

 

 

A far divertire il pubblico ci penseranno come sempre i tantissimi comici del programma come: Paolo Caiazzo, Simone Schettino, Nello Iorio, Ciro Giustiniani, Mariano Bruno, i Gemelli di Guidonia, gli Arteteca , i Gemelli di Guidonia, gli “After 19”, Pasquale Palma con Gennaro Scarpato, Ciro Ceruti con Serena Caputo e Antonio D’Ausilio, Mino Abbacuccio, le Sex and Sud , Tommy Terrafino, Alessandro Bolide, i Radio Rocket, Matranga e Minafò con “Gianni l’attore”, il professore Enzo Fischetti dalla sua edicola e tantissimi altri.

 

 

Ad esibirsi live per un momento musicale sarà poi il duo inedito formato da Livio Cori e Mavi. La sigla e le musiche del programma sono firmate dal dj e compositore Frank Carpentieri.Made in Sud è un programma prodotto da Rai 2 in collaborazione con Tunnel produzioni ideato da Nando Mormone e Paolo Mariconda. Autori del programma: Nando Mormone, Paolo Mariconda, Marco Terenzi , Ciro Ceruti, Gianluca Belardi , Mino Abbacuccio e Sergio Colabona. Collaboratori ai testi: Angelo Venezia, Rosario Toscano, Francesco Burzo, Guglielmo Iezzi e Gennaro Scarpato. Produttore esecutivo Rai: Paola Maggioli, a cura di Tiziana Iemmo. Direttore della fotografia: Sandro Carotenuto. Produttore esecutivo Tunnel: Fabio Tassan Pagnochet. La regia è di Sergio Colabona, le coreografie di Fabrizio Mainini e la scenografia di Cappellini e Licheri.