Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Morto Vangelis, sua la colonna sonora di Blade runner. Vinse l'Oscar per Momenti di gloria

Esplora:

  • a
  • a
  • a

All'età di 79 anni è morto Vangelis, il compositore greco autore di Blade Runner e Chariots of Fire. Vinse l'Oscar per Momenti di gloria. Ad annunciarlo il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis. "Vangelis Papathanassiou non è più con noi", ha twittato il premier. Si tratta di uno dei più importanti compositori musicali dell'epoca moderna, in particolare legato alla musica elettronica. Lunghissimo l'elenco dei successi di Vangelis, pseudonimo di Evangelos Odysseas Papathanassiou, originario di Agria, in Tessaglia. Fra le sue opere più acclamate compaiono altre colonne sonore (come quelle per i film Antarctica, Missing - Scomparso, 1492 - La conquista del paradiso, Alexander e Luna di fiele) nonché il brano Hymne, usato per le pubblicità della Barilla. Inoltre ha composto l'inno per i Mondiali di calcio Giappone-Corea del Sud 2002.

 

 

 

Vangelis ha iniziato a comporre a quattro anni ed è autodidatta per gran parte delle sue conoscenze musicali. Nei primi anni Sessanta fonda il gruppo pop Forminx, che diviene popolare in Grecia. Durante la rivolta studentesca del 1968 si trasferisce a Parigi e fonda il gruppo di rock progressivo Aphrodite's Child con Demis Roussos e Loukas Sideras. Vangelis inizia la sua carriera da solista nell'anno 1973 con la composizione delle colonne sonore di due film del produttore francese Frédéric Rossif. Il suo primo album da solista è Earth (1973). Dopo essersi trasferito a Londra, firma un contratto con la RCA e inizia a lavorare nel suo studio di registrazione privato (Nemo Studios). In questi anni produce alcuni dei suoi album più famosi, come Heaven and Hell (1975), Spiral (1977) e China (1979). Assieme a Jon Anderson (cantante degli Yes) pubblica diversi dischi negli anni Ottanta e Novanta con il nome di Jon & Vangelis. Ha inoltre collaborato con alcuni artisti italiani, in qualità di arrangiatore: Riccardo Cocciante, Claudio Baglioni, Milva, Patty Pravo, Krisma. Gli album italiani dove è preponderante il suo influsso sono E tu... di Claudio Baglioni, dove le melodie delle tastiere richiamano quelle già utilizzate dagli Aphrodite's Child, e Concerto per Margherita di Riccardo Cocciante. Nel 1982 vince l'Oscar per la colonna sonora del film Momenti di gloria di Hugh Hudson. Nello stesso anno inizia la collaborazione con il regista Ridley Scott per il quale scrive la colonna sonora per Blade Runner, divenuta presto un cult, come d'altronde il film stesso. Per lo stesso regista firmerà, qualche anno più tardi la riuscita colonna sonora di 1492 - La conquista del paradiso. La più grande popolarità gli giunge appunto per la composizione di queste famose colonne sonore, nelle quali unisce melodie eleganti a sonorità d'atmosfera, impiegando voce umana, strumenti classici e suoni elettronici al servizio di una musica sempre molto suggestiva ed evocatrice.

 

 

Molto geloso della sua vita privata, raramente appare in pubblico e poco frequenti sono anche le sue esibizioni live. Quando non componeva si dedicava alla pittura e diverse sue opere sono state esposte.