Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Le Iene, stasera mercoledì 18 maggio su Italia 1. Le anticipazioni

  • a
  • a
  • a

Stasera in tv, mercoledì 18 maggio, in prima serata su Italia 1 (inizio alle ore 21.20), nuovo appuntamento con Le Iene, lo show condotto dall'ormai affiatata coppia formata da Belen Rodriguez e Teo Mammucari. Con loro sul palco anche i due comici Max Angioni ed Eleazaro Rossi. Stasera tra gli ospiti il cantautore Marco Mengoni. Continua l'approfondimento di Gaetano Pecoraro sul tema dei talk show. Dopo il servizio della scorsa settimana con gli interventi di Enrico Mentana e Paolo Del Debbio, nuove interviste ai conduttori delle trasmissioni di informazione che sono presenti nei palinsesti delle televisioni italiani: Giuseppe BrindisiVeronica GentiliMassimo GilettiMario GiordanoMassimo GramelliniGianluigi NuzziDavid Parenzo e Nicola Porro rispondono sull'intromissione, per alcuni di loro insistente, della politica nella televisione italiana e a domande dell’inviato quali: “I talk che vediamo tutti i giorni in tv sono fatti bene o andrebbero riformati come sostiene il comitato di vigilanza della Rai?”.

Alice Martinelli, invece, prova a capire di più sulla polemica che è sorta a seguito delle affermazioni del sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza e dell’assessore alle Pari Opportunità alla Regione Veneto, Elena Nazzano, rispetto alle dichiarazioni pubbliche rese sul caso delle presunte molestie durante l’adunata degli Alpini a Rimini, dove intanto continuano a fioccare testimonianze di donne e ragazze che sarebbero state infastidite e spesso a loro dire molestate, dagli ex militari che hanno dato vita al raduno, come sempre molto numeroso.

Domenica scorsa dell'argomento si è occupato anche Massimo Giletti nella puntata di Non è l'Arena, dando voce proprio ad alcune delle donne che sono state infastidite durante le serate. Le polemiche non si placano. Sulla vicenda hanno preso posizione anche gli albergatori della città di Rimini, spiegando di non aver rilevato alcun nessun fatto spiacevole, malgrado l'assoluta prevalenza di staff femminile nelle strutture alberghiere che hanno ospitato centinaia di alpini.