Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Mezz'ora in più e Mezz'ora in più il mondo che verrà, oggi domenica 8 maggio su Rai 3. Ospiti e anticipazioni

  • a
  • a
  • a

Nel pomeriggio televisivo di oggi, domenica 8 maggio, su Rai 3 dalle ore 14.30, sarà la guerra tra Russia e Ucraina l'argomento di Mezz'ora in più e Mezz'ora in più il mondo che verrà, il programma condotto da Lucia Annunziata e Antonio Di Bella. Dopo due mesi e mezzo di combattimenti qual è la situazione del conflitto alle porte dell'Europa in cui i morti sono stati già decine di migliaia? E cosa dobbiamo aspettarci da Mosca in occasione del settantasettesimo anniversario della vittoria dell'Unione Sovietica contro la Germania nella seconda guerra mondiale? E' davvero possibile che la guerra si estenda e coinvolga altri Paesi? Questi i temi principali che saranno trattati nel corso della puntata dai conduttori e dai loro ospiti.

Ma non solo. Durante Mezz'ora in più e Mezz'ora in più il mondo che verrà, si parlerà anche del viaggio del presidente del Consiglio, Mario Draghi, negli Stati Uniti; delle fibrillazioni interne alla maggioranza di unità nazionale che sostiene il governo e di altri temi di politica interna ed estera, sempre legati al conflitto tra Ucraina e Russia.

Quali saranno gli ospiti di Lucia Annunziata e Antonio Di Bella? Come sempre numerosi e autorevoli gli interlocutori dei due noti giornalisti che conducono il programma di Rai 3. In studio o in collegamento il direttore del Russian International Affairs Council, Andrey Kortunov; la presidente del Parlamento Europeo, Roberta Metsola; il direttore di Limes, Lucio Caracciolo; l'ambasciatore italiano in Ucraina, Pier Francesco Zazo; il segretario di Azione, Carlo Calenda e il politologo della Johns Hopkins University, Yascha Mounk. Insomma come sempre l'occasione per un ampio e interessante dibattito e le diverse posizioni su quello che si sta configurando il maggiore conflitto dopo la seconda guerra mondiale. La settimana che sta per entrare, secondo molti analisti e osservatori,potrebbe essere decisiva per l'andamento del conflitto.