Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La storia di The Wife - Vivere nell'ombra, stasera in tv mercoledì 4 maggio su Rai 1. Il film è ispirato al romanzo di Meg Wolitzer: trama e cast

  • a
  • a
  • a

Consueto appuntamento con i grandi film su Rai 1 questa sera, mercoledì 4 maggio. In prima serata, infatti, continua il ciclo Donne Straordinarie, con la pellicola drammatica The Wife - Vivere nell'ombra, diretto dal regista Bjorn Runge. Il cast è di quelli importanti: ci sono, infatti, Glenn Close nel ruolo di Joan Castleman, Jonathan Pryce come Joe Castleman e Christian Slater nei panni di Nathaniel Bone.

 

 

LA TRAMA
Siamo nel 1992, Joan Castleman è la moglie di Joe Castleman, scrittore che ha vinto il premio Nobel per la letteratura, il più grande scrittore degli ultimi tempi. Mentre si prepara ad accompagnare il marito a Stoccolma per la premiazione, insieme al figlio David, Joan ripensa agli anni passati al fianco del marito, al segreto su cui si è basato il suo successo, i quarant'anni di matrimonio insieme e al sacrificio che ha fatto per fargli raggiungere la fama passando sopra ai tradimenti e alle bugie. Joan è infatti la vera autrice dei suoi libri e nessuno all'infuori di loro lo sa, nemmeno la loro famiglia. Ma ad un certo punto Joan decide di interrompere la prassi e non scrivere più i testi per il marito. Una decisione che lo lascia sotto shock, visto che verrà colto da malore fatale. A quel punto, la moglie deciderà di rivelare solo alla famiglia la verità.

 

 

LA STORIA VERA
Il film non è basato su una storia vera, bensì sul romanzo di Meg Wolitzer pubblicato nel 2003. Il libro non riporta fatti realmente accaduti, ma la scrittrice ha preso spunto dall'ispirazione dalla vita della propria madre, Hilama. La Wolitzer, in passato, aveva spiegato che l'obiettivo non era quello di inoltrarsi nel privato della vita della madre, bensì in quella di uno scrittore. Voleva vedere "come certi uomini in questo ambiente sono stati esaltati. Poi sono sempre stata interessata alle questioni che riguardano i problemi e gli interessi del potere femminile e maschile. Questo è un qualcosa che ha sempre permeato il mio lavoro”, aveva detto.