Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Mr T, che fine ha fatto il sergente Baracus degli A-Team e il pugile Clubber di Rocky III? La malattia, la moglie e il figlio illegittimo

  • a
  • a
  • a

Mr. T. - pseudonimo di Lawrence Tureaud - è uno degli attori più iconici degli anni Ottanta. Merito di alcune pellicole entrate nella storia del cinema come Rocky III, ma anche di una serie tv che ha spopolato come A-Team. Originario di Chicago, l'attore americano compirà 70 anni il prossimo 21 maggio. Tra le sue caratteristiche il classico taglio di capelli in stile moicano e la notevole quantità di gioielli in oro indossati.

 

 

I ruoli che lo hanno reso famoso sono stati quello del pugile Clubber nel film Rocky III (1980) e del sergente Bosco Albert Baracus chiamato anche "P.E.- Pessimo Elemento" nel telefilm A-Team (dal 1983 al 1987), un ex soldato delle forze speciali americane ricercato come i compari dell'A-team "per un crimine che non hanno commesso". Fu l'unico attore del telefilm che non fece il provino, bensì fu scelto a prescindere. Divenne velocemente l'idolo dei ragazzini, gli venne dedicata anche una serie animata dal titolo Mr T (13 episodi nel 1983). Diede il suo volto a numerose pubblicità e inoltre fece il suo ingresso anche nel mondo del wrestling (nel 1985 fu partner di Hulk Hogan contro la coppia formata da Rowdy Roddy Piper e Paul Orndorff nella prima Wrestlemania) e della boxe.

 

 

 

Nel 1995 gli venne diagnosticato, un linfoma T-Cell, annunciando poi di esserne guarito nel 2006. Ha partecipato ad alcuni reality in America e dal 2011 al 2013 ha condotto il programma World's Craziest Fools per la BBC. Mr. T ha sposato Phyllis Clark, nel 1971, ma la coppia ha divorziato recentemente. Insieme hanno avuto due figlie (Erika e Lesa) ed un figlio (T. Junior). Nel 2014, Mr. T è stato accusato di aver abbandonato il figlio illegittimo, Alexander Taylor, che ha intentato una causa da 5,4 milioni di dollari sostenendo che l’attore lo avrebbe abbandonato perché “non si adattava all’immagine pubblica del signor T.”