Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rita Rusic: "Mi piace il sesso, ho gusti forti e ne sono attratta fin da bambina. Mi sento terrona in tutto"

  • a
  • a
  • a

E' una Rita Rusic a tutto tondo quella si è raccontata da Francesca Fagnani a Belve, il programma in onda il venerdì sera in seconda serata di Rai 2. Dal sesso al rapporto con Adriana Volpe, passando per la sofferenza vissuta da bambini alla delusione che le ha dato Roberto Benigni: la modella croata, 61 anni, reduce dall'esperienza a Pechino Express, si è aperta davanti alle telecamere della tv di stato. "Su Instagram si mostra sempre molto, svestita, in lingerie: perché?", le chiede la Fagnani. "Non sono bigotta, vengo dall'Est, il rapporto col corpo è di naturalezza, di libertà. Ho iniziato come modella, sono molto diversa da quello che si vede lì, non riesco ad essere me stessa. Sono esibizionista, tutti noi del mondo dello spettacolo lo siamo. Mi piace il sesso, ho gusti forti. E' stato sempre qualcosa di molto attrattivo fin da bambina. Ero molto attratta e incuriosita dal sesso". La belvata che rivendica, invece, è quella con Adriana Volpe, definita "un'opinionista senza opinione". "L'unica cosa che ho imparato da lei è stata usare il minipimer. Il mio rapporto con i soldi? E' di grande rispetto, ti danno un po' di felicità. Non mi piacerebbe diventare poverissima. L'eccesso che ho vissuto in ricchezza e lusso? A un anniversario di matrimonio Vittorio (Cecchi Gori, l'ex marito) mi portò un anello gigante di zaffiri e gli dissi di lasciarlo lì. Ero sempre triste nella mia vita precedente, avevo tutto ma ero molto triste".

 

 

"Io sono un animale notturno, una pantera nera nel lavoro e un gatto nella vita - prosegue Rita Rusic - Non sono Crudelia Demon, appaio così, ho la freddezza dell'est che mi accompagna ma mi sento un po' terrona in tutto. La sofferenza mi ha dato la forza di mordere la vita, profuga con la famiglia dalla Jugoslavia, ho vissuto in un campo profughi ma di quell'esperienza ricordo solo le cose belle. Quando penso a quegli anni penso ai pacchi di Natale che arrivavano dal presidente della Repubblica, l'importante per me era stare con i genitori e con mia sorella".

 

 

Una persona che da cui è stata delusa, invece, è Roberto Benigni: "Con lui c'è stato un grande rapporto. Sono rimasta molto male quando mi sono separata, ero a Los Angeles e c'era la proiezione di un loro film (di Benigni e della moglie, Nicoletta Braschi, ndr). Chiesi di andare e mi rispose che non c'era posto, io non l'avrei mai fatto", sottolinea ancora.