Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Corrado Formigli, il giornalista tifoso della Fiorentina. Chi è la moglie Stella Prudente: quanti figli hanno

  • a
  • a
  • a

La prima serata di La7 oggi, giovedì 14 aprile, è con PiazzaPulita, il programma di approfondimento condotto da Corrado Formigli. Il giornalista, autore e conduttore televisivo e radiofonico è nato a Napoli nel 1968, ma i suoi genitori sono toscani. Per questo, Formigli è un grande tifoso della Fiorentina. Studia giurisprudenza e durante l'università si trasferisce a Londra. Alla fine degli anni Ottanta inizia a scrivere per Paese Sera, mentre nel capoluogo britannico inizia a scrivere per Il manifesto. Dopo un anno da corrispondente rientra in Italia, a Roma, per occuparsi di politica e spettacoli.

 

 

La televisione entra a far parte della sua vita nel 1994, quando approda in Rai per Tempo reale. Due anni dopo, invece, è assunto a Mediaset come inviato delle trasmissioni Moby Dick e Moby's, su Italia 1. In quegli anni racconta anche la guerra civile in Albania, i massacri che vengono compiuti in Algeria dai fondamentalisti islamici, il conflitto in Kosovo e il Sudafrica del dopo Mandela. Torna in Rai nel 2000 come inviato speciale, e nel settembre 2001 vola negli Stati Uniti per raccontare l'America dopo l'attentato alle torri gemelle. In seguito si sposta nel Medio Oriente, diventando il primo giornalista televisivo a entrare a Jenin subito dopo i raid israeliani dell'aprile 2002. L'anno successivo passa a Sky Tg24, dove per 5 anni firma e conduce il talk Controcorrente. Nel 2008 torna a lavorare con Michele Santoro come autore e co-responsabile delle inchieste di Annozero su Rai 2, mentre nel 2011 passa a La7 dove è autore e conduttore di PiazzaPulita. Nel 2014 è il primo giornalista italiano ad entrare in Siria e documentare l'assedio Isis.

 

 

Lato vita privata, è sposato con Stella Prudente, giornalista di Internazionale. Ha tre figli: Viola, Sofia e Giorgio. Proprio a quest'ultimo sta cercando di trasmettere la passione per la Fiorentina. "Spero che Giorgio diventi un tifoso viola. Ma per ora va bene la Nazionale", aveva detto l'estate scorsa a La Gazzetta dello Sport.