Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Jana Karšaiová, chi è la scrittrice di nazionalità slovacca candidata al Premio Strega: la trama del romanzo Divorzio di velluto

  • a
  • a
  • a

Jana Karšaiová sarà tra gli ospiti di Oggi è un altro giorno, il salotto pomeridiano di Rai 1 condotto da Serena Bortone, nella puntata odierna, giovedì 14 aprile. La scrittrice parlerà del suo romanzo d'esordio, Divorzio di velluto, con il quale è candidata al Premio Strega.

 

 

Jana Karšaiová, nata a Bratislava nel 1978, è un’autrice e attrice di origine slovacca. Ha iniziato a imparare l’italiano da autodidatta nel 2002. Ha vissuto a Praga, a Ostia, a Verona dove ha lavorato come attrice. Dopo una lunga assenza, ha ripreso a lavorare in campo teatrale conducendo laboratori e iniziato a frequentare corsi di scrittura. Il suo racconto Sindrome Italia è stato pubblicato sulla rivista letteraria Nuovi Argomenti. Nel 2022 è uscito, per Feltrinelli, il suo primo romanzo Divorzio di velluto, che l'ha portata in corsa per vincere il Premio Strega.

 

 

Nel suo romanzo di esordio - si legge sul sito di Rai Cultura - Karšaiová intreccia le vicende della protagonista Katarìna con quelle del paese in cui è nata, la Slovacchia. L’azione si concentra nel periodo delle vacanze natalizie: Katarìna è tornata a trovare i genitori, e a casa sua ritrova l’aria pesante che si respira da sempre, a causa della frustrazione della madre, del vizio del bere del padre e della fuga della sorella che vive negli Stati Uniti e dà scarse notizie di sé. Dopo due anni e mezzo il matrimonio di Katarìna con il ceco Eugen è entrato in crisi e lei non ha voglia di parlarne con la madre, contraria sin dall’inizio a questa unione, e con l’amica Viera, con cui ha condiviso gli anni del liceo e la passione per l’Italia. Katarìna finisce per trascorrere il capodanno con Viera a Bologna e subito dopo rivede Eugen in una circostanza tragica. Karšaiová racconta com’è stato crescere sotto l’oppressione del regime comunista, subire la divisione del proprio paese in due parti (una divisione senza conflitti apparenti, da cui la denominazione “divorzio di velluto”, che si addice anche alla fine del rapporto di amore del suo personaggio). L’italiano, da lei perfettamente dominato, è la conquista di uno spazio tutto per sé, dove potersi reinventare fuori da ogni condizionamento.