Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Le Iene, Sangiovanni racconta la terapia: "Chiedere aiuto non è una debolezza". Il video del monologo

  • a
  • a
  • a

Ospite della puntata di ieri de Le Iene è stato Sangiovanni, il cantante che lo scorso anno è arrivato secondo ad Amici e che quest'anno si è piazzato ai piedi del podio del Festival di Sanremo. Dopo aver cantato Farfalle, Sangio - così viene chiamato - si è esibito in un monologo sulla terapia. 

 

 

"Ho iniziato a fare musica perché nessuno voleva ascoltarmi. Parlavo e nessuno mi capiva, forse mi spiegavo male io - ha detto il cantante - Ho iniziato a mettere in musica i miei pensieri, è stata la mia prima terapia. Finalmente avevo qualcuno con cui dialogare, una voce che mi chiamava nel cuore della notte, che mi faceva battere il cuore. Ansie, problemi e paranoie improvvisamente svanivano. Ho chiesto aiuto alla musica e lei mi ha teso una mano, mi ha permesso di volare. Poi arrivato il successo, è stato tutto enorme, anche le aspettative. Ansie, problemi e paranoie che la musica faceva svanire sono tornati, la soluzione era diventata il problema. Mi è crollato tutto addosso e un’altra volta ho dovuto chiedere aiuto".

 

 

Sangiovanni ha quindi raccontato di essere andato in terapia. "Ho pagato qualcuno per ascoltarmi. Non una madre, un padre o una fidanzata, ma qualcuno a cui dire tutto senza il rischio di ferirlo, che non ti giudica, che sta lì per aiutarti a stare bene. Raccontarsi non è facile, può essere doloroso. Ma la terapia è come la palestra, devi sentire la fatica, il sudore, i muscoli indolenziti. Sono sceso sul mio fondo e ho accettato la sofferenza che mi ha portato e anche se sono un privilegiato, se sono fortunato, se faccio ciò che mi piace, so che ci saranno comunque momenti in cui soffrirò. Ho solo smesso di vergognarmene, perché ho capito che ogni forma di dolore c’è una forma di vita. A volte mi sento forte, molte più volte non mi sento in grado, ma quando succede ho imparato che posso chiedere aiuto e che qualcuno mi tenderà una mano. Chiedere aiuto non è una debolezza, è una forza. Fatelo per tornare a volare", ha concluso il cantante.