Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Silvio Berlusconi a contatto con un positivo al Covid. Sta bene, ma salta la partecipazione a Quarta Repubblica

  • a
  • a
  • a

Era stata annunciata come la puntata del ritorno di Silvio Berlusconi in televisione. Il leader di Forza Italia, già primo ministro del nostro Paese, stasera 11 aprile avrebbe dovuto partecipare a Quarta Repubblica, il talk condotto da Nicola Porro su Rete 4. Tutto era ormai pronto e la presenza di Berlusconi era stata ufficializzata attraverso i canali ufficiali. Niente da fare. E' saltato tutto. Il capo di Forza Italia, infatti, è entrato in contatto con una persona positiva al Covid e quindi per motivi di prudenza è stato deciso di rinviare la sua partecipazione a Quarta Repubblica

Nicola Porro e la produzione dovranno quindi rivedere e cambiare la scaletta, visto che la presenza di Berlusconi (che manca da molti mesi a un programma televisivo) era ovviamente considerata il momento più importante di tutta la trasmissione. La sua partecipazione è stata quindi rinviata a data da destinarsi. Il suo staff fa comunque sapere che è in buone condizioni di salute. Negli ultimi giorni lo storico leader di quello che per anni è stato il principale partito di centrodestra, è tornato di nuovo prepotentemente al centro dell'attenzione mediatica. Le sue dure parole contro l'operato di Vladimir Putin sono state pubblicate su tutte le principali testate del Paese. 

Dichiarazioni che non lasciano spazio a dubbi e che hanno sollevato l'attenzione generale. Nella sua lunga carriera politica, infatti, Silvio Berlusconi ha sempre avuto buoni rapporti con il dittatore russo. I due si sono visti spesso, si sono scambiati visite, confidenze e complimenti a vicenda. Come del resto Putin ha fatto con rappresentanti di altri Paesi. Un rapporto che è stato più volte evidenziato dai media dopo l'invasione dell'Ucraina e in pochi si aspettavano una dura condanna da parte del leader di Forza Italia che invece ha avuto parole nette: "Sono molto deluso e addolorato, pensavo che Putin fosse un uomo di pace. Si è assunto una responsabilità grave davanti al mondo".