Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stasera in tv 8 aprile 2022 su Rete4 va in onda Quarto Grado: i casi di Liliana Resinovich e Alberto Genovese

  • a
  • a
  • a

Stasera in tv - venerdì 8 aprile 2022 - consueto appuntamento su Rete4 con Quarto Grado e i suoi casi di cronaca nera (ore 21.25). L'approfondimento sui casi di maggiore interesse pubblico è curato dalla conduzione di Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero.

 

 

Anche stasera la trasmissione non avrà l’informazione sul conflitto in Ucraina in primo piano, bensì i casi di cronaca e delle persone scomparse. Nella puntata di stasera si parlerà del caso dell’imprenditore Alberto Genovese che è accusato di aver violentato, dopo averle rese incoscienti con un mix di droghe, due modelle di 18 e 23 anni. La difesa presenterà relazione psichiatrica, relazioni mediche e analisi tossicologiche mentre lui -per la prima volta in aula - ha chiesto il rito abbreviato (con lo sconto della pena). Dall’udienza, che si è svolta a porte chiuse,filtra che Genovese alla modella 18enne, che era rimasta segregata e sotto effetto di droghe nella stanza da letto dell’imprenditore per oltre dodici ore, avrebbe proposto un risarcimento di 130mila euro, di cui 24mila di spese mediche. Alla modella ventitreenne, di cui Genovese avrebbe abusato nel corso di una vacanza ad Ibiza con la ex fidanzata Sarah Borruso, l’imprenditore ha offerto un risarcimento di 25 mila euro. Somme che i legali di entrambe le giovani hanno ritenuto "insufficienti" e hanno quindi respinto le offerte. Le due ragazze vittime dei presunti abusi restano nel processo come parti civili.

 

 

La puntata però si aprirà con il giallo di Liliana Resinovich. Ora le indagini si stanno concentrando sul come sia morta la donna. Le tracce di una leggera asfissia ritrovate sul suo corpo fanno pensare che possa trattarsi di suicidio. Ma la sua famiglia non crede minimamente a questa ipotesi. Spazio poi al delitto di Carol Maltesi. Per la prima volta parla l’ex moglie di Davide Fontana. E lo fa attraverso il suo avvocato, cui affida tutto lo sgomento che ha provato nel sapere che l’uomo con cui aveva convissuto vent’anni si era reso protagonista di uno dei delitti più atroci degli ultimi anni. Un uomo capace però di grande sangue freddo, perché lei, che lo aveva incontrato dopo il delitto, non scorse alcun segnale: “Sembrava tranquillo".