Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Giovanni Allevi: "Ho paura del cambiamento". Chi è il pianista che ha esordito con Jovanotti. La moglie è Nada Bernardo, hanno due figli

  • a
  • a
  • a

Alle 14, oggi martedì 5 aprile, su Rai 1 torna Oggi è un altro giorno, il salotto pomeridiano condotto da Serena Bortone. Tra gli ospiti ci sarà anche il musicista Giovanni Allevi, che domenica 3 aprile ha cominciato il suo nuovo tour da Torino. La prossima data sarà il 12, a Bologna, ma presto sono attese novità, come scritto dallo stesso Allevi su Facebook.

 

 

Originario di Ascoli Piceno, 52 anni, diplomatosi nel 1990 in pianoforte al conservatorio Morlacchi di Perugia e poi in composizione al Verdi di Milano, laureato in Filosofia a Macerata con il massimo dei voti, Giovanni Allevi ha frequentato anche l'Accademia Internazionale di Alto Perfezionamento di Arezzo. Tra i primi a credere in lui c'è Jovanotti, che lo conosce grazie all'amico in comune Saturnino. Allevi apre diversi concerti di Jovanotti, in alcuni album collabora. La svolta della sua carriera nel 2005: nel suo terzo album No Concept il brano Come sei veramente viene utilizzato per un famoso sport e arriva così al grande successo di pubblico. Forte di questo successo, pubblica un altro lavoro nel 2006, Joy, arrivando al disco d’oro. Allievi tutt'oggi continua a essere uno dei compositori italiani più amati al mondo.

 

 

Giovanni è sposato con Nada Bernardo, anche lei pianista, oltre che manager dell’artista dai capelli ricci. La coppia ha due figli: Leonardo e Giorgio. Nei giorni scorsi è andato in onda 'Giovanni Allevi - Una musica può fare', su Sky Tg24, dove ha raccontato di essere "estremamente ripetitivo nei comportamenti. Al supermercato scelgo sempre le stesse cose, e a Milano faccio sempre lo stesso percorso: ho paura di qualunque cambiamento". E di avere "una grossa difficoltà nelle relazioni sociali. Sono un bloccato da mille ansie e fobie. Ho paura di qualsiasi cosa", ma la musica aiuta a spazzare "via tutto, ed io esco fuori finalmente da me stesso, da questa condizione".